Bra piange la scomparsa del “suo” maestro Domenico Asselle

Si è spento nelle scorse ore, in città, all'età di 88 anni. Fu pasticcere, ciclista, Cavaliere della Repubblica, confratello dei Battuti Bianchi, amico del mondo del volontariato

0
2056
Domenico Asselle (foto www.bravomaestro.academy)

Se ne va il maestro, se ne va Domenico, in punta di piedi e, sicuramente, con il sorriso sulle labbra ed una battuta pronta.

Bra ed i braidesi piangono la scomparsa di Domenico Asselle, concittadino, spentosi nelle scorse ore all’età di 88 anni, all’ombra dell’amata Zizzola, come da annuncio della sua famiglia.

Classe 1930, con 77 anni dedicati alla pasticceria e all’arte dell’insegnare, con innata passione:

– 1941 Gli esordi
Pasticceria Adriano Converso
Bra (Piemonte – Italia);

– 1942 Stagione estiva
Pasticceria Ottavio Converso
Torre Pellice (Piemonte – Italia);

– 1947 Primo pasticciere
Pasticceria Teresio Piumatti
Bra (Piemonte – Italia);

– 1951 Pasticciere
Pasticceria Celoria
Torino (Piemonte – Italia);

– 1959 Apre il suo primo laboratorio
Pasticceria Domenico Asselle (ora in via Cuneo, 63)
Bra (Piemonte – Italia);

– 1990 Professore
Scuola di Arte Bianca di Torino
Sezione di Neive (Piemonte – Langhe- Italia);

– 1995 Professore aggiunto
Escola de pastisseria del Gremi (EPGB)
Barcellona (Spagna).

Prima di chiedere ai giovani, impariamo a dare ai giovani. Maestri non si nasce, si diventa!” diceva Domenico.
Le sue specialità: torrone friabile alle nocciole delle Langhe, marron glacés, caramelle genziana e menta di Bra, bignole, Salot. Tutto, rigorosamente con cappello e grembiule bianchi.

Creatore della torta a forma di Zizzola, monumento, museo e simbolo della città di Bra: “Ho creato una deliziosa torta di nocciole, che non contiene alcun tipo di liquore, perché mentre la realizzavo ho pensato che sarebbe stata molto gradita anche ai bambini. E, si sa, loro devono consumare cose genuine” disse.

Protagonista e coautore del libro “Il pasticciere e la bicicletta” di Alfredo Mango, che racconta l’incredibile storia del maestro, diviso tra la passione dell’arte bianca e quella delle due ruote.

La sua firma è apparsa, anche, in un articolo datato 2008: “Torrone: dove trovare i migliori” di Mara Nocilla, per il Gambero Rosso.

Non solo pasticcere, ma anche, pluripremiato, gradito ospite, saggio, “pozzo” di umanità, grande amico.

Il funerale si svolgerà lunedì 24 settembre (alle ore 10) nella Parrocchia di San Giovanni Battista a Bra, con rosario domenica 23 settembre (alle 20,30) nella chiesa dei Battuti Bianchi, sempre a Bra.
Dopo le esequie, la salma verrà accolta nel cimitero braidese.

Un amico, uno sportivo, un grande pasticcere, un uomo di cuore. Sono tristissima per la sua scomparsa. Era sempre pronto ad aiutarti e penso a tutti i Cheese Bimbi che ha fatto da protagonista. Amava se stesso, amava la sua città, amava le sue passioni e le faceva amare agli altri” lo ricorda così Bruna Sibille, sindaco di Bra.