Volley A1/F: brilla Degradi, una Cuneo discontinua batte 3-2 Trentino

La schiacciatrice e la MVP Squarcini guidano Cuneo alla rimonta contro un'ostica Delta Despar: due punti preziosi per le "Gatte"

0
469
Foto Danilo Ninotto

Si riparte con due punti che danno fiducia e condizione. La Bosca S.Bernardo Cuneo inizia il suo 2022 e riprende la corsa dopo l’attesa e rinvii per Covid, avendo la meglio di una combattiva Delta Despar Trentino al tie-break. Non è stata, bisogna ammetterlo, la miglior partita sul palcoscenico della Serie A1, a livello tecnico e qualitativo, ma considerando le problematiche dentro e fuori dal campo, per tutti, e la difficoltà di potersi allenare e giocare con continuità, ce lo si poteva ampiamente aspettare: anche per questo, iniziare, di fatto, il girone di ritorno, con un sorriso è la miglior notizia che potesse arrivare.

Se a questo, aggiungiamo, la prova, ottima di una Degradi (20 punti per lei) in piena condizione e al 100% ritrovata dopo il lungo infortunio, la riabilitazione ed il rientro, progressivo, in squadra, il bicchiere non può essere che mezzo pieno, se non pieno per tre quarti. Punticino che smuove la classifica nella corsa per la salvezza, invece, per Trento che ha sperato anche nel colpo grosso ma che deve arrendersi ed accontentarsi, nonostante le buone prestazioni di Rivero e Piani. MVP dell’incontro, Federica Squarcini, autrice di 21 punti.

SESTETTO CUNEO

In regia Signorile, opposto Gicquel; in mezzo Stufi e Squarcini, schiacciatrici Degradi e Jasper, libero Spirito.

SESTETTO TRENTINO

Raskie al palleggio, opposto Piani; Furlan e Berti al centro, in banda l’ex Nizetich e Rivero, libero Moro.

PRIMO SET

Buona intensità sin dal primo scambio, combattuto e chiuso dal muro di Squarcini (1-0). L’avvio è comunque equilibrato: 3-3. Il primo scatto è ospite: gialloblu che difendono bene ed attaccano, Rivero firma il 3-6 inducendo Pistola a fermare il gioco. Al rientro in campo, Trento mantiene il prezioso vantaggio, con le giocate, ancora, di Rivero e Nizetich (6-9). La squadra di Bertini continua a difendere con grande intensità restando avanti con merito: Nizetich punisce per il 9-13, altro time out biancorosso. In buon ritmo anche Piani che, da posto-2 conferma il +4 trentino (10-14). Cuneo riesce a riavvicinarsi: Degradi mette giù il 12-14 e Bertini spende il primo time out. Fast di Stufi e altro attacco di Degradi, è parita a 14. Sul 16-17 dentro Mason per il turno di servizio. Dalla’altra parte dentro Kuznetsova e Giovannini (17-18). Ace di Piani, Trento torna a +2 (17-19). L’opposto si ripete, dopo una doppia di Signorile: ospiti che volano a +4 (17-21). Piani è una macchina da guerra e spacca in due il finale di set: altro ace, 17-23. Sei set ball per la Delta Despar, mentre entra sul taraflex Botarelli (18-24): Jasper manda out, si chiude 18-25.

SECONDO SET

Parte bene Trentino: ace di Rivero e muro di Furlan, 0-3. Controbreak cuneese: le “Gatte” trovano la parità dopo il bell’attacco di Degradi (4-4). Il parziale prosegue: muro di Squarcini per il 6-4, Bertini ferma il gioco. Bosca S.Bernardo che sembra poter prendere finalmente slancio, allungando sul 14-10 (nuovi time out per Trento). Gialloblu che, comunque, restano in partita: ace di Furlan, 12-14. Fase non articolarmente brillante di gioco, con diversi errori da ambo le parti: non ne viene danneggiata Cuneo che trova l’ace del 17-13. Biancorosse in fiducia e ritmo, la zampata di Jasper da posto-4 vale il 19-14. Dall’altra parte spazio a Mason (19-15). Il muro di Furlan consiglia Pistola nel richiamare in panchina le sue ragazze (19-16). Sul 21-17 Trento ci prova con Stocco in battuta. Il muro ad uno di Stufi di Nizetich scuote il palazzetto e ricaccia indietro le avversarie (22-18): Cuneo vola così verso l’1-1, conquistandosi 6 set ball (24-18). Al secondo, chiude i giochi il muro di Squarcini (25-19 e 1-1).

TERZO SET

Il parziale si apre con l’ace di Squarcini. Si prosegue con buoni ritmi e scambi impegnativi, Trento c’è e ci prova: fast ok di Berti per il 3-4. Dopo lo strappo biacorosso di fine set, si torna a lottare: Rivero risponde a Gicquel, equilibrio a quota 7. Troppi errori in cssa Cuneo, che scivola a -3 costringendo il proprio tecnico ad arrestare le ostilità (10-13). Trento in fiducia, mentre le padrone di casa appaiono fuori giri: seconda fast consecutiva out di Stufi, è 10-15. Doppio cambio inevitabile per Pistola: in campo Caruso e Giovannini per la stessa Stufi e Jasper. Trento che scappa via con le proprie centrali: Berti stoppa tutti, 11-18. Dentro anche Agrifoglio e Kuznetsova per Signorile e Degradi. Sull’11-19 time out Cuneo. Piemontesi che tentano una complicata rimonta: mani out di Gicquel, ace di Agrifoglio per il -5 (15-20). Il divario è troppo e Trento non perde la calma e avanza ancora, sospita dall’ennesimo muro, questa volta di Furlan (15-23). Otto set point a disposizione delle gialloblu (16-24): al terzo, Piani attacca per il 18-25 e 1-2.

QUARTO SET

Non pochi errori anche in questo inizio di quarto parziale: Cuneo ne approfitta e prova a riconquistare fiducia. Ace di Squarcini, 6-3. Gicquel torna efficace, ben servita da Signorile, dall’altra parte Rivero resta una garanzia, è 8-6. Rientra nel match, con impatto, Degradi che permette alle padrone di casa di allungare fino all’11-7. Una decisione contestata con il videocheck ferma per diversi secondi il gioco, mentre viene sventolato un giallo all’indirizzo di coach Bertini. Fuori dal marasma, ecco l’ace di Degradi per il 13-10 e le distanze ristabilite. Trento che perde gli equilibri e Cuneo dfrutta il momento: Gicquel firma il 15-10, Trento cambia alla regia con Stocco. Gli errori continuano a fioccare, Trento rosicchia alcuni punti ed arriva il time out per Pistola (16-13). Bosca che ri-allunga: muro di Signorile per il 19-14. Sul 20-15 Pistola cambia la diagonale con Agrifoglio e Zanette. Giovannini risolve uno scambio a dir poco concitato ed avvicina ulteriormente Cuneo al tie-break (21-15 e time out Trento). Degradi rientra in campo e mette a terra il pallone del 23-17 da zona-4. Si materializza il tie-break: Squarcini mura (24-17) e, al terzo tentativo, la formazione di casa manda il match al 5° set (25-19).

QUINTO SET

Entrambe le squadre ripartono con i rispettivi sestetti base: Piani torna a colpire in pallonetto, Gicquel risponde con la stessa moneta (3-3). Fasi decisive della gara, Degradi in pipe conclude uno scambio pesante per il 5-4. Nel tentativo di salvataggio, si infortuna il libero trentino Moro, che esce fra gli applausi di incoraggiamento: coach Bertini chiama time out per riordinare le idee, come libero subentra Quiligotti. Ace di Jasper, 6-4. Si va al cambio di campo sull’8-5 dopo la fast vincente di Stufi. Cuneo che continua a giocare con i tempi giusti ed a passare, in particolare, con le proprie centrali: di Squarcini il 10-6. Jasper e Degradi mandano in orbita le “Gatte” (13-7). Cuneo la spunta: Squarcini e Gicquel griffano il 3-2 (15-8).