Media locali al centro della serata Panathlon

Il club di Cuneo ha organizzato un incontro sull’informazione giornalistica legata allo sport

0
52

Una serata dedicata non a chi lo sport lo pratica, ma a coloro i quali lo raccontano quotidianamente. Per questo motivo l’appuntamento conviviale di novembre del Panathlon Cu­neo aveva come titolo “Quan­do lo sport diventa informazione giornalistica” ed ha posto il mondo dei media locali al centro dell’appuntamento ospitato presso l’Hotel Ristorante La Ruota di Pian­fei, durante il quale gli operatori dei principali giornali (cartacei e online) della Gran­da hanno raccontato se stessi, il lavoro di cronista, l’importanza dello sport al­l’interno di una comunità.
Un’occasione per capire me­glio cosa c’è “dietro le quinte” di una redazione, messa a disposizione grazie all’idea del sodalizio guidato dal presidente Giovanni Mellano: «Una serata stupenda e che desideravo organizzare da tempo. Un incontro fatto con il cuore: avete lavorato bene e dato stimolo in un anno duro come il 2020. Quello di stasera è anche e soprattutto un ringraziamento a tutte le testate per il loro lavoro». Sui prossimi appuntamenti del sodalizio, il presidente aggiunge: «Dopo questa serata lavoreremo per la Festa degli Auguri e per la chiusura dell’anno, cui seguiranno le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali all’interno del sodalizio, sempre nel segno del “fair play” e dello sport».

La presenza del governatore dell’Area3 Piemonte e Valle d’Aosta del Panathlon In­ternational, Maurizio Nasi, ha qualificato ulteriormente la serata. «Il mondo giornalistico mi è vicino ed amico», ha commentato il Governatore. «C’è un’assonanza fra il Panathlon e le testate locali: veniamo storicamente definiti i “custodi” della cultura sportiva, e lo siamo insieme a loro, in quanto esse da sempre danno risalto alle attività del territorio».
A moderare la serata è stato il redattore della Stampa Lo­renzo Tanaceto, il quale ha imbeccato i rappresentanti dei giornali, quotidiani e settimanali, cartacei e online presenti: Cuneo Sette, CuneoDice, La Bisalta, La Guida, La Stampa, TargatoCn e, naturalmente, Rivista Idea ed Ideawebtv, con i “nostri” Edward Pellegrino e Chiara Carlini.
L’appuntamento ha permesso anche di ricordare, insieme, chi non c’è più, come la giornalista Alessandra Wit­zel, a cui sono stati recentemente intitolati gli impianti del Parco della Gioventù. E, infine, l’architetto Francesco Lessan, di Borgo San Dalmazzo, componente del Panathlon scomparso nel dicembre 2020: alla moglie Ivana Paoletti, il riconoscimento del Governatore.

Consegnata, inoltre, la Borsa di Studio 2020 legata al Panathlon: a riceverla dalle mani del Governatore, il talento Francesco Bisotto, libero della Bam Acqua S.Bernardo Cuneo di Volley.

Il riconoscimento è stato assegnato nell’ambito di “Bravi a scuola e nello Sport”, iniziativa attivata nel 2015 per la volontà della famiglia di Attilio Bravi di ricordare il panathleta, lo sportivo ma soprattutto il docente che si è sempre impegnato affinché i giovani oltre allo sport seguissero con immutata passione anche lo studio. Per questo il Panathlon ha deciso di dare impulso alla sua idea di futuro, promuovendola nelle scuole dell’Area3-Piemonte e Valle d’Aosta, valorizzando quegli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori di II grado che durante il loro percorso scolastico abbiamo saputo conseguire prima di tutto significativi risultati scolastici, accompagnati e sostenuti da quelli ottenuti nella pratica di una disciplina sportiva. Per questa edizione il governatore Nasi ha proposto di allargare la base dei premiati, portando da quattro a dieci i riconoscimenti finali.

A concludere la serata organizzata dal Panathlon Cuneo e molto apprezzata dai partecipanti è stata la consegna ai relatori partecipanti dei riconoscimenti del sodalizio.