200 uova di cioccolato donate dal Comune

A Castagnito l’Amministrazione di Carlo Porro si è mossa pensando ai piccoli concittadini

0
205
Carlo Porro

Quasi 200 uova di cioccolato sono state donate ai pic­coli residenti di Castagnito, per poter dire “auguri” agli “adulti di do­mani”, di età compresa tra i 3 e gli 11 anni, alle loro famiglie, in una Pasqua che sembra un quasi-replay rallentato di quella inedita dello scorso anno. L’Amministra­zione co­munale guidata dal sindaco Carlo Porro, nei giorni precedenti al giorno della festa per la resurrezione di Gesù, ha voluto compiere un piccolo ma significativo gesto. Spiega il primo cittadino: «Il nostro vuole essere un omaggio per la pazienza, la fatica, il sacrificio che ogni giorno i ragazzi sono obbligati a sopportare insieme alle loro famiglie, in questi mesi di disagio». Un chia­ro riferimento al nuovo modo di vivere la scuola, la Dad; ma anche una quotidianità spesso fatta di restrizioni, di quei “non si può” con i quali, rovescio sociale della medaglia, si diventa grandi.

Le hanno portate, queste uo­va pasquali, i componenti della Giunta (che, oltre a Porro, si completa con il vice Giulio Cortese e l’assessore Giusy Randazzo) insieme ai consiglieri comunali: un nuovo giro, una nuova corsa, per un’amministrazione che non ha paura di fare passi che diventano chilometri, casa per casa, prendendosi i rischi pandemici, ma pure qualche “grazie”. Avevano appena terminato il giro di consegna, porta dopo porta, dei sacchi dei rifiuti per il 2021: un servizio mirato alla comodità a beneficio degli abitanti, ma anche per evitare possibili assembramenti in eventuali luoghi di raccolta. Centinaia, le utenze coinvolte e raggiunte mettendosi a disposizione secondo quello spirito di servizio che è poi il vero fine degli amministratori pubblici. Il sindaco aggiunge: «Un ringraziamento particolare va ai consiglieri, ma soprattutto ai cittadini che, con la loro collaborazione e nonostante le difficoltà, han­no consentito di portare la raccolta dell’indifferenziato dal 68,81% al 72,94%. Spe­riamo di poter continuare con un risultato ancora mi­gliore per il prossimo anno».

Per poi toccare un argomento spinoso ma che si intende affrontare a viso aperto: «Si sta cercando di risolvere l’annoso problema dell’abbandono dei rifiuti al di fuori degli appositi punti di ritiro; ci stiamo organizzando anche per questo e chiediamo la vostra collaborazione nel segnalare e documentare queste azioni di inciviltà».
Le uova, si diceva. Il gusto del cioccolato, ma anche dell’attenzione alle nuove generazioni che pare essere uno dei punti di riferimento di questa consiliatura castagnitese. «Que­sto non è solo un omaggio, ma è anche un premio anticipato a tutti gli alunni, per l’impegno che vorranno profondere nel concorso che abbiamo intenzione di bandire in occasione del Giro d’Italia che quest’anno passerà da Castagnito, lunedì 10 maggio, nella tappa che da Biella arriverà alla vicinissima Canale. Si potrà aderire entro il 30 aprile facendo riferimento ai nostri uffici, e inviando altresì una foto delle opere all’indirizzo viverecastagnito@gmail.com». Il ban­do è stato trasmesso ai bambini e ai ragazzi castagnitesi insieme alle uova di Pasqua: in una continuità con il concorso indetto dal Comune (assieme al Comitato Sponta­neo di Baraccone) proprio un anno fa, e che fu davvero un’esplosione di arte e creatività. Porro, che ricopre altresì la carica di vice presidente della conferenza dei sindaci dell’Asl Cn2, del resto sta seguendo da vicino la formazione della rete dei Centri Vaccinali Permanenti che si stanno creando in un Roero capace di andare avanti con le proprie gambe. «Siamo un territorio che conta oltre 50mila residenti: fare squadra tra sindaci e realtà differenti è la carta vincente. Si sta lavorando alla costituzione di poli di aggregazione in alcune strutture adeguate, per poter procedere poi alle vaccinazioni in funzione del numero dei vaccini distribuiti e delle indicazioni che verranno impartite dalla Regione Piemonte e dall’Asl Cn2».

Dialogo, dunque, come vettore di crescita, lavorando davvero in ottica-Roero. Qualche esempio: la disponibilità alla sinergia in progetti intercomunali come le Strade del Barbera (che vede come capofila i “cugini di Castellinaldo d’Alba) e il Magliano Classic Festival di cui il paese del Castel Verde è partner della prima ora, i Sentieri dei Frescanti.

Tornando al discorso relativo ai tanti occhi strizzati ai più giovani, non mancano progetti “veri”, come l’adesione a “Eco School” promosso dall’Istituto Comprensivo di Govone e a quello lanciato dalla Fondazione Enrica A­miotti.
Prospettando approfondimenti futuri, il primo cittadino Carlo Porro chiosa per ora in questo modo: «Le parole d’ordine del progetto sono “bellezza” e “consapevolezza” e fanno parte di un programma che coinvolgerà gli studenti della scuola primaria del territorio».