Ceva, il Pronto Soccorso riaprirà da settembre. Oggi l’incontro con l’Assessore Icardi (FOTO E VIDEO)

La data della riapertura è stata annunciata oggi pomeriggio in un incontro tra l'Assessore Icardi, il Direttore Generale dell'Asl Cn1 Brugaletta, il Sindaco Bezzone con operatori sanitari, amministratori comunali e associazioni territoriali.

0
283

Una notizia che si attendeva da tanto: il Pronto Soccorso di Ceva riaprirà dal di settembre. 

Ad annunciarlo, nel corso di un incontro avvenuto oggi pomeriggio a Ceva, il Sindaco Vincenzo Bezzone, insieme al Direttore Generale dell’Asl Cn1, Salvatore Brugaletta e all’Assessore regionale alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

Un momento importante per la città di Ceva e per tutto il territorio circostante, in particolare per la Val Tanaro e la Val Bormida, rappresentate dalle amministrazioni comunali che hanno preso parte all’incontro, insieme al personale medico-sanitario dell’ASL Cn1 e delle Associazioni ASSO e ABACUS Onlus che hanno dato un grande sostegno agli ospedali territoriali nel corso dell’emergenza Covid.

«L’Ospedale di Ceva è ufficialmente “Covid free”, ora è il momento di ripartire» – ha commentato Brugaletta – «In questa provincia l’emergenza è stata gestita nel migliore dei modi, il merito è di tutti gli operatori sanitari che hanno lavorato in prima linea senza sosta. Resta un grande dolore per le perdite che abbiamo subito. Da soli non si va da nessuna parte, il segreto di questa provincia è stata la collaborazione».

«Abbiamo imparato che ospedali come quello di Ceva che presidiano territori enormi ricoprono un’importanza strategica» – ha spiegato l’Assessore alla Sanità Icardi – «Grazie a tutti gli operatori per l’impegno quotidiano che hanno dimostrato e a tutti per la solidarietà dimostrata. Per molti gli occhi dei sanitari nelle corsie di ospedale sono stati l’unico segno di umanità tangibile, grazie per tutto, di vero cuore». 

Nel corso dell’incontro è intervenuto il Dottor Muzzulini, Presidente di ABACUS onlus: «Non chiamateci eroi, siamo professionisti: ho visto persone modificare totalmente il loro modo di lavorare per affrontare l’emergenza. In ospedale abbiamo visto morire le persone in solitudine, è mancato il contatto umano, è stato terribile». 

Tanta solidarietà arrivata anche grazie ad Asso Onlus: «Ringraziamo tutti coloro che hanno sostenuto gli ospedali con donazioni per l’acquisto di dispositivi di protezione e attrezzature; ora ci concentreremo sull’endoscopia digestiva di Ceva, forniremo apparecchiature specifiche».

«Nostro malgrado il Coronavirus ci ha mostrato il valore e le potenzialità dei piccoli centri, che ora vengono apprezzati anche a livello turistico» – così è intervenuta Franca Biglio, Sindaco di Marsaglia e Presidente dell’associazione nazionale dei Piccoli Comuni d’Italia.

A farle eco Giorgio Ferraris, Sindaco di Ormea e Presidente dell’Unione Alta Val Tanaro, che ha sottolineato l’importanza dei centri di riabilitazione territoriali.