Cuneo marcia per il clima: in 2000 al “Friday For Future” (FOTO E VIDEO)

Grande partecipazione alla manifestazione degli studenti partita dall'appello della sedicenne Greta Thunberg

0
226

“Rispondiamo all’appello di Greta, salviamo il nostro pianeta”. E’ solo uno dei tanti cori urlati a squarciagola dai tantissimi studenti (ma non solo loro) che a Cuneo hanno partecipato nella mattinata di oggi, venerdì 15 marzo, al corteo per sensibilizzare sull’emergenza climatica.

Anche nel capoluogo della Granda, come in tutto il mondo, è andato in scena il “Friday For Future”: la città ha risposto presente all’appello della giovanissima ambientalista svedese Greta Thunberg. Ha risposto alla grande, con una partecipazione che è andata oltre le più rosee aspettative. Dai bambini più piccoli, accompagnati dagli insegnanti, fino ai più grandi, che hanno organizzato l’evento, erano in tutto circa 2000. Sono partiti da piazza Europa per poi dirigersi verso piazza Galimberti attraverso corso Nizza e proseguire in via Roma. In mezzo a tanti ragazzi, anche numerosi adulti: gente comune insieme a politici del territorio, parlamentari, sindaci. Stupiti anche loro di cosa sono in grado di fare i giovani quando vogliono colpire nel segno. “Ci hanno dato una grande lezione”, il commento dell’assessore del Comune di Cuneo Mauro Mantelli, che ha marciato in coda al corteo al fianco del vicesindaco Patrizia Manassero e della parlamentare Chiara Gribaudo.

Tutti insieme seguendo l’esempio di una ragazzina di 16 anni, per dire che “il pianeta è uno solo”, come campeggia in uno dei tantissimi cartelli esposti dai ragazzi, e che bisogna difenderlo, adottando politiche più serie contro il riscaldamento globale. “Non c’è più tempo”, hanno ripetuto a squarciagola i ragazzi, che poi si sono fermati in piazza Galimberti per dare la parola ad alcuni piccoli manifestanti, che hanno letto alcuni messaggi tra gli applausi di tutto il corteo. Poi la marcia è proseguita fino a largo Audifreddi, dove si è conclusa una mattinata che resterà impressa nella mente dei tanti che vi hanno preso parte.

Vi proponiamo le parole di una delle organizzatrici dell’evento, la studentessa Mafalda Collidà.