Cuneo: corso Giolitti, aumentano i controlli e i residenti sono più sicuri

Dopo i ripetuti episodi di microcriminalità e la raccolta firme, il questore ha incontrato una rappresentanza dei cittadini che abitano o lavorano nella zona

0
533

Nella serata di ieri, giovedì 22 novembre, si è svolto l’incontro tra alcuni rappresentanti del Comitato di quartiere di Cuneo Centro e la Polizia. Confronto atteso, perché sul tavolo c’erano da discutere le problematiche che riguardano la zona di corso Giolitti, teatro nell’ultimo periodo di ripetuti episodi di micro criminalità e di disturbo della quiete pubblica.

Perdigiorno, spesso ubriachi, che disturbano i cittadini con i loro atteggiamenti provocando anche, e a volte, animate discussioni o risse. I residenti e i commercianti della zona hanno chiesto più volte un’attenzione particolare da parte delle forze dell’ordine e dell’amministrazione, anche attraverso una petizione che ha raccolto 200 firme.

All’incontro ha partecipato anche il questore Emanuele Ricifari, che ha confermato ai residenti che la zona è sottoposta ad un’attenzione particolare: “Siamo consapevoli dei problemi che si sono verificati in quell’area – riferisce Ricifari -. Da un po’ di tempo stiamo monitorando in maniera particolare la zona, con controlli mirati, e possiamo dire che la situazione è migliorata. Il bilancio dell’incontro? Positivo, è stato utile confrontarci: i residenti hanno constatato con soddisfazione che grazie ai nostri interventi nell’ultimo periodo gli episodi sono diminuiti e abbiamo garantito loro che manterremo alta l’attenzione”.

Nello specifico, le forze dell’ordine sono intervenute nelle ultime settimane con fogli di via ed accompagnamenti alla frontiera di soggetti che si erano resi protagonisti di episodi segnalati dai residenti. Anche nella zona del Movicentro, una delle aree che destava più allarme, dove invece la situazione è sensibilmente migliorata.