Ghisolfi, storico ritorno a TeleCupole rompendo il “Silenzio Stampa”

0
706

Un “Silenzio Stampa” destinato a parlare e a far parlare di sé fin da subito. Anche perché a romperlo sarà il Banchiere giornalista Beppe Ghisolfi sulle frequenze di TeleCupole Piemonte dove si appresta a fare ritorno nella duplice veste di opinionista settimanale – già a partire da questo venerdì al TG4 di cui è stato a lungo mattatore – e di conduttore della prima serata del lunedì. Lo storico mezzobusto dell’emittente del Nord Ovest della famiglia Toselli, con sede a Cavallermaggiore, quindi avvierà e concluderà il palinsesto della settimana lavorativa.

 

Un ritorno alle origini per il quale Ghisolfi tiene a ringraziare l’Editore Pier Maria Toselli “in quanto da TeleCupole ha avuto inizio la mia carriera giornalistica. Un’emittente che mi ha portato fortuna e che mi ha permesso di gestire il mezzo televisivo con totale disinvoltura, maturando stili e tecniche di comunicazione pubblica tornatemi utili in seguito nella mia più recente partecipazione a programmi televisivi di rilevanza nazionale come Porta a Porta, Di Martedì, Ballarò, Otto e Mezzo e sulle Reti Rai, Mediaset, Sky, La 7”. Nel corso degli anni Ottanta e Novanta, dal microfono del Giornalista Beppe Ghisolfi è passata l’Italia che conta, da Andreotti a Berlusconi, fino ai Sindaci dei più piccoli Comuni. Passando attraverso le memorabili interviste all’Avvocato Gianni Agnelli e al Padre della Nutella Michele Ferrero.

 

“Silenzio Stampa” sancisce pertanto un ritorno atteso dai telespettatori cuneesi e piemontesi e non solo, in ragione della vocazione macroregionale di una frequenza che sarà indubbiamente centrale nell’economia e nella politica a maggior ragione nella decisiva fase di accompagnamento verso le elezioni parlamentari di inizio marzo.

 

A rompere la prima punta del “Silenzio Stampa”, lunedì prossimo, sarà il tema della viabilità e delle infrastrutture mancate dove si sono infranti molti sogni e aspettative della Granda e del Piemonte: Beppe Ghisolfi ospiterà pertanto nel proprio studio il battagliero imprenditore alimentare Franco Biraghi, autore da Presidente di Confindustria Cuneo di vari appelli e proposte per lo sblocco dell’autostrada incompiuta Asti – Cuneo, il Sindaco di Alba Maurizio Marello e l’Assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco.