Bra: la Scuola di Pace ricorda Don Milani | Il 6 dicembre alle 21, con Massimo Toschi, Piero Cantini e Beppe Rovera

0
486

Dopo la partecipata serata di apertura con Don Luigi Ciotti, prosegue l’attività della Scuola di Pace “Toni Lucci” di Bra.

Mercoledì 6 dicembre 2017, alle ore 21 nell’Auditorium CRB di via Sarti, si analizzerà la figura di Don Lorenzo Milani, prete, maestro e cittadino, a 50 anni dalla sua morte, in un appuntamento organizzato in collaborazione con l’Unità Pastorale 50.

A raccontare la vita e le opere di Don Milani saranno il professore Massimo Toschi, già assessore della Regione Toscana, studioso e autore di libri dedicati al priore, e Piero Cantini, ex allievo della scuola di Barbiana. Modera l’incontro il giornalista Beppe Rovera.
Don Lorenzo Milani (1923 – 1967), sacerdote ed educatore, è stato il fondatore e l’animatore della famosa scuola di Sant’Andrea di Barbiana, il primo tentativo di scuola a tempo pieno espressamente rivolto alle classi popolari.

I suoi progetti di riforma scolastica e la sua difesa della libertà di coscienza, anche nei confronti del servizio militare, compaiono nelle opere Esperienze pastorali, Lettera a una professoressa e L’obbedienza non è più una virtù (questi ultimi due testi scritti insieme con i suoi ragazzi di Barbiana), nonché una serie importantissima di lettere e articoli.

A lungo frainteso e ostacolato dalle autorità scolastiche e anche da una parte di quelle religiose, don Milani è stato una delle personalità più significative del dibattito culturale del dopoguerra e la sua vita rappresenta ancora oggi una grande testimonianza di fedeltà nella sua scelta di essere dalla parte degli ultimi e di combattere ogni tipo di ingiustizia sociale, in una profetica rivoluzione contro la povertà.

Memorabili e significative le sue ultime parole: “Un grande miracolo sta avvenendo in questa stanza…un cammello che passa nella cruna di un ago”.

L’incontro è aperto a tutta la cittadinanza, ad ingresso libero fino esaurimento posti. Per maggiori informazioni scrivere a [email protected]