Cervere: un’ estate avanti tutta nel segno dello sport | Work in progress tra palestra e associazioni. Il Sindaco: “Cronoprogrammi rispettati anche nel recepimento delle migliorie intervenute”

0
276

Estate in cantiere per il Comune del Porro, che sta utilizzando la pausa dei mesi caldi per arrivare preparato al nuovo anno scolastico e alla prossima stagione sportiva.

“Anche sulla base dei piani degli obiettivi e delle ricognizioni deliberate sul bilancio per l’esercizio corrente – ribadisce infatti il Sindaco Corrado Marchisio – le opere programmate e progettate stanno procedendo nella giusta direzione e con tempistiche tali da assorbire interventi e migliorie, in alcuni casi, resesi necessarie nel corso dei lavori stessi.

Come è avvenuto nella circostanza del cammino di realizzazione della nuova palestra rispetto a cui – ricorda il primo cittadino – abbiamo atteso l’approvazione da parte del Genio civile per poter dare seguito a un miglioramento strutturale al settore delle tribune, opera questa che è destinata a massimizzare i benefici e la fruibilità di questa oramai sempre più tangibile e sentita realtà infrastrutturale e polivalente nel campo dello sport, dedicata ai giovani e a tutta la comunità cerverese”.

Il taglio del nastro è pertanto previsto entro il 2017. Per intanto, non si ferma, anzi, l’azione comunale a sostegno delle attività correnti sempre negli ambiti sportivi.

“La nostra attenzione a garantire la continuità delle gestioni associative e sociali, determinanti al fine di promuovere una sempre costante e più ampia partecipazione della cittadinanza, a partire dai giovani, alla pratica della socializzazione e del sano sport – conclude il sindaco – si manifesta nel duplice contributo che, come Giunta comunale, abbiamo destinato a favore della locale Acli, per l’acquisto di due gazebo da acquisire all’immobile ex bocciofila e che rimarranno di proprietà del Comune (1600 euro la somma in totale impegnata) e, rispettivamente, a beneficio della ASD Orange destinataria di una prima tranche di contributo da 4000 euro (su un totale di 12.000 annui per il 2017-18) per la gestione del complesso sportivo cittadino. Risorse che tornano più che moltiplicate in termini di benefici sociali e per il lustro che l’azione dell’associazionismo porta alla più generale promozione del territorio”.