Lutto nel mondo della cultura Cuneese, si è spento il professor Fulvio Basteris

0
422

Lutto nel mondo del giornalismo e della letteratura cuneese. Si è spento questa mattina all’ospedale Santa Croce di Cuneo, vinto da un male incurabile, il professore, giornalista e scrittore Fulvio Basteris.

Originario di Garessio dove era nato il 7 ottobre 1946 ma da anni residente a Cuneo, Fulvio (Giovanni, Pietro) Basteris, lascia la moglie Maria Chiara Vandone e due figli- Laureato in Filologia classica all’Università di Torino, è stato per più d’un trentennio ordinario di Lettere classiche soprattutto al Liceo «Pellico» di Cuneo, e in tale veste è stato anche per oltre un decennio consigliere del Distretto di scolastico di Cuneo e del Consiglio scolastico provinciale, oltre che del Consiglio di Istituto.

Fulvio Basteris è stato giornalista e autore di libri. È stato direttore responsabile de Il Giornale del Piemonte, inoltre nel corso dell’attività giornalistica ha collaborato con molte testate a stampa e televisive locali, regionali e nazionali (quali Piemonte Vip, La Gazzetta del Popolo, La Stampa Cronache di Cuneo, Provincia Granda [già Gazzetta di Mondovì], Il Quartiere, La Masca, Cuneo Provincia Granda, Risorse, e poi in televisione Primantenna, Telegranda ecc.) ed è stato direttore responsabile di alcune fra esse (ad esempio dei settimanali Lotte nuove dell’allora Psi cuneese e La Bisalta, del mensile L’Alba, e delle news dell’emittente televisiva Telegranda di Cuneo.

A partire dal 1986 ha pubblicato come autore, da solo o con altri, una ventina di libri di storia locale, di gastronomia, di cinema e biografici che hanno avuto una buona diffusione e notorietà nei diversi ambiti culturali o storici toccati.

Il grande impegno di Fulvio Basteris lo ha portato nel corso degli anni a ricoprire più volte il ruolo di amministratore pubblico, quale presidente dell’Ospedale Civile «San Giuseppe» di Garessio (1975-1980), membro del Comitato regionale di controllo di Mondovì e Cuneo (Corecom; 1980-1984), membro di alcune Commissioni regionali (nelle legislature 1975-1980; 1983-1985); presidente di Ati Spa (1984-1987) società di trasporto pubblica della Provincia e privati, consigliere comunale di Cuneo (1985-1990), membro della Commissione del Teatro Civico Toselli e Cinema Monviso di Cuneo (1981-1995), membro della Commissione nazionale per la Sanità, indicato in essa dal ministro della medesima Raffaele Costa (1992-1993), consigliere del Miac cuneese (2003-2006), membro in rappresentanza del Governo, nominato dal ministro della Cultura Sandro Bondi, del Comitato piemontese per il 150° dell’Unità che ha organizzato le celebrazioni dell’evento.

È stato anche socio e amministratore di alcune società private (Aec di Mondovì, La Masca editrice, Trebì di Cuneo ecc.), e vicepresidente di Polo Grafico SpA.

Funerali si terranno lunedì alle 14,30 nella parrocchiale del Sacro Cuore. Alla famiglia del Professor Basteris le più sentite condoglianze da parte della redazione di Ideawebtv.it