SPECIALE IDEA AWARDS 2000-2020 – LE NOMINATION: Marta Bassino, Dory è già nella storia

0
245
Cortina 2021 Alpine Ski World Championships. Cortina d'Ampezzo 16/02/2021 Katharina Liensberger (AUT) - Marta Bassino (ITA) women's Parallel Photo: Pier Marco Tacca/Pentaphoto

Idea Awards 2000-2020. Il ventennio che ci siamo lasciati alle spalle si è chiuso con l’anno solare che, per quanto concerne lo sport cuneese, ha avuto un’unica protagonista: Marta Bassino.

Non poteva mancare il suo nome, quindi, tra i candidati per il ruolo di miglior atleta dei due decenni che vanno dal 2000 al 2020, che sarà eletto con al termine di una votazione lanciata sulle pagine di Ideawebtv.it nei prossimi giorni.

Certo, diranno i dubbiosi, la borgarina classe 1996 ha iniziato ad occupare le copertine solo negli ultimi anni di questo ventennio, ma lasciarla fuori sarebbe stato un abominio. Ad appena 25 anni, infatti, Marta ha già raggiunto vette forse ineguagliate nella storia dello sport della provincia Granda.

Ultimo in ordine di tempo (anche se relativo al 2021, anno non annoverato nel concorso), il trionfo iridato ai Mondiali di Cortina, nel Parallelo.

Ma i successi della ragazzina cresciuta nello Sci Club Val Vermenagna partono da lontano. La prima grande tappa a soli diciotto anni: l’oro nello Slalom gigante ai Mondiali Juniores, che la collocarono di diritto tra gli astri nascenti del circuito bianco internazionale.

Da lì, una scalata che ha trasformato la “Dory” di un tempo, così come viene chiamata dalle compagne per via della sua proverbiale (e forse solo più proverbiale) sbadataggine, in una campionessa a tutto tondo, capace di piazzarsi al quinto posto nella classifica generale di Coppa del Mondo 2020, alle spalle delle regine dello sci alpino.

La sua specialità? Ovviamente quello slalom gigante che la consacrò ormai sette anni fa e nel quale oggi conta cinque vittorie in Coppa del Mondo oltre alla concreta possibilità di vincere la classifica di specialità proprio in questa stagione.

Ci sarebbe tanto da dire su Marta, ma una cosa su tutte va sottolineata: a venticinque anni ancora da compiere, la sua biografia sportiva è probabilmente solo all’inizio. Ovviamente, tutti gli appassionati azzurri sperano che possa arricchirsi di tanti capitoli scintillanti (e magari d’oro).

Intanto, proprio dopo il successo di Cortina, è nata a Monserrato una sagoma metallica per celebrarla. Comunque vada, Dory è già nella storia dello sport cuneese e il suo volto ha già fatto da copertina all’intera provincia. Anche in programmi televisivi di tutto rispetto…