Bagnasco Calcio, otto positivi al Covid. Il presidente Nicolino: “Stanno tutti bene, ma la situazione è difficile”

La squadra bagnaschese ha riscontrato 8 casi di positività al virus ed il suo esordio nel campionato di Seconda categoria, previsto per domenica, è stato rinviato.

0
767

Anche il calcio deve fare i conti con il COVID-19. Ne è purtroppo conferma la situazione del Bagnasco Calcio, che deve fare i conti con la positività al virus di otto membri della prima squadra, partecipante al campionato di Seconda categoria.

Raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione, il presidente del Bagnasco Calcio Matteo Nicolino ha condiviso le ultime notizie a sua disposizione.

“I ragazzi positivi sono 8, e stanno tutti bene. Stiamo riscontrando un’informazione un po’ confusa, in quanto i positivi devono rimanere in quarantena per 14 giorni a partire dalla data in cui è stato trovato il primo positivo, mentre i negativi devono rimanervi, sempre per 14 giorni, a partire dalla data in cui è stato riscontrato l’ultimo positivo.

Domenica 4 ottobre sarebbe dovuto partire il campionato, ma ovviamente abbiamo ottenuto il rinvio delle partite contro Genola e Dogliani. Abbiamo anche rinviato tutte le gare del settore giovanile. In provincia di Torino c’è stato un caso simile, in Promozione, dove una squadra con un positivo al COVID-19 è stata autorizzata a giocare con i restanti membri. 

In questo momento la situazione è difficile, perché molti atleti in questo momento non vogliono più giocare a calcio. Si tratta di una situazione che vale anche per le squadre dei paesi limitrofi, non solo per il Bagnasco Calcio. Dover rimanere due settimane in quarantena anche se si è negativi è un danno per persone che magari lavorano in proprio o che devono prendere ferie. In situazioni come questa ci sarebbero ben poche squadre che si possono permettere di andare avanti.”