Promozione: la chiusura dell’andata apre il 2020! A Cherasco, Busca e Villafranca i big-match

0
399
In foto, il bomber del Villafranca Barison (foto Ideawebtv.it)

Una ripartenza che sa tanto di chiusura. Per uno strano gioco del destino (e del maltempo), il girone C di Promozione torna in campo domani dopo la pausa natalizia (squadre ferme dal 15 dicembre) per un quindicesimo turno che è in realtà anche l’ultimo del girone d’andata, slittato di quasi un mese a causa dei rinvii di un dicembre pazzerello.

Ecco perchè quello di domenica rappresenta un passaggio ideale anche per tracciare un bilancio, che ha come voce principale quella che recita: “campione d’inverno”. Sarà dura, quest’anno, trovarne uno solo, con tre squadre a quota 29 chiamate a confermarsi in vetta.

Rischia come non mai, in questo senso, il Villafranca, che ha ricaricato le pile dopo aver sentito la fatica nell’ultima parte di 2019 e se la vedrà con il Pedona, nel big-match di giornata. Occasionissima soprattutto per i ragazzi di Zappatore: un eventuale “sacco villafranchese” consentirebbe loro di rientrare prepotentemente nelle posizioni che contano.

Delicato anche l’incrocio che attende il Busca, padrone di casa contro l’Infernotto per un derby che promette più intensità che spettacolo. Anche per gli uomini di Ghio discorso stile-Pedona: i tre punti proietterebbero la principale sorpresa del 2019 (con il Valle Varaita) ad un passo dai playoff. E’ una sfida che pesa non solo per le ambizioni di vertice degli Zabena-boys, ma anche perchè un loro eventuale successo ridurrebbe a otto il numero di squadre con la zona-playoff a portata, spaccando la classifica.

La più “fortunata” nella ruota casuale del calendario è l’Albese: i langaroli, che stanno lentamente recuperando gli infortunati, ospiteranno la Piscineseriva, in un match che li vede ampiamente favoriti. Attesissimo Messineo, in grande spolvero nella pausa natalizia, che affronterà per la prima volta la sua ex squadra a cui ha lasciato gol e tanti ricordi.

Abbiamo citato il Valle Varaita. Proprio i ragazzi di Giordana avranno l’occasione per stupire ancora, chiudendo ad un passo dalla quota 30 il girone d’andata, come in pochi avrebbero potuto immaginare in estate. Occhio, però, perchè il Csf Carmagnola non è la stessa squadra del 2019: il mercato ha portato tanti nomi illustri tra i torinesi, che ambiscono ad un girone di ritorno quasi perfetto.

Appena un punto sotto alla compagine di Ceretto ci sono Cheraschese e Cavour: saranno lupi e torinesi a dare vita all’altro grande incontro del quindicesimo turno, cruciale per capire chi potrà ambire a qualcosa di più di un semplice piazzamento nel cuore dei playoff. Dietro di loro freme, intanto, il Pancalieri Castagnole, che punta al sorpasso (doppio in caso di pareggio) rendendo visita al Nichelino Hesperia, staccato di 16 punti in classifica.

Passando alla metà destra della classifica, invece, spicca il derby tra Sommariva Perno ed Azzurra. Per i Burgato-boys, l’occasione d’oro per staccare una potenziale rivale nella corsa salvezza, mentre i biancoverdi puntano a riprendere da dove hanno chiuso il 2019: con una vittoria. Successo a cui ambiscono anche Montatese e Carignano: solo i tre punti consentirebbero davvero ai gialloblu di rientrare nella corsa salvezza. Attenzione, infatti, alla matematica: se il Carignano vincesse, con contemporanea non vittoria del Nichelino, si virerebbe al termine dell’andata con un divario significativo tra penultima e quintultima di almeno sei punti (massimo di otto).

Nel girone D, infine, ritorno in campo con sfida casalinga per la Santostefanese, attesa dal delicato incrocio con la “nobile” Valenzana Mado, che con i suoi 19 punti si gioca una grossa fetta di speranza playoff.