Andrea, Erblira e Giovanni: i figli di Cuneo che fanno festa

0
429
Foto Fb Erblira Bici

È stato un weekend intenso, l’ultimo, dal punto di vista sportivo, con un coinvolgimento di discipline quasi senza precedenti, dagli sport di squadra al tennis, passando per il ciclismo ed i motori.

Un fine settimana, insomma, di quelli che ogni appassionato vorrebbe vivere quotidianamente, nel quale, più che mai, ha avuto un ruolo da protagonista, anche se “a distanza” la provincia di Cuneo.

Già, perché sono ben tre gli atleti che, seppur con intensità diversa, si sono guadagnati la copertina di giornata portando con sé anche un po’ di Granda negli sport di squadra.

La prima è Erblira Bici, per tutti “Era”, che, dopo essere definitivamente esplosa lo scorso anno in A2 con la Lpm Pallavolo Mondovì (con cui sfiorò il “salto” nella massima serie) è stata chiamata dalla Igor Gorgonzola Novara come schiacciatrice di riserva, sempre pronta ad essere chiamata in causa per dare una mano alle piemontesi.

Qui, l’albanese, dopo la beffa patita con la sconfitta in campionato in finale contro Conegliano, si è presa una grande rivincita, conquistando la Champions League, sabato sera, nuovamente contro le venete. Per lei l’ingresso in campo nel corso del terzo set al posto di Paola Egonu, stella azzurra, giusto per certificare alla storia la presenza nella rosa che a Berlino ha trovato un grande trionfo.

Niente ingresso in campo, ma festa analoga, invece, per Andrea Marchisio, che, dopo aver gioito pochi giorni fa per la conquista del tricolore, si è ripetuto con la sua Lube Civitanova anche in Champions League maschile, sempre a Berlino, superando in finale i campioni uscenti del Kazan. Con lui, cuneese di fatto, anche due cuneesi d’adozione: coach Fefè De Giorgi e l’opposto Sokolov.

Chiude il weekend d’oro Giovanni Di Lorenzo, terzino in rampa di lancio del calcio nostrano a quasi 26 anni. Originario di Castelnuovo di Garfagnana, Giovanni è tra i grandi trascinatori dell’Empoli che sta cercando l’impresa impossibile chiamata salvezza in Serie A ed è stato autore del gol del provvisorio 3-1 ieri nel match vinto dai toscani contro il Torino.

I più attenti lo ricorderanno, però, quando ancora diciannovenne, sgroppava sulla fascia destra nella difesa del Cuneo, impegnato nella Lega Pro 2012/13. Per lui quell’anno 27 presenze senza trovare la via del gol, a cui sembra essersi abbonato invece in questa stagione (5 reti fin qui).