Scherma: il campione olimpico Valerio Aspromonte conquista i bambini del “Soleri” (VIDEO)

L'atleta è stato a Cuneo per due giorni, ospite del Circolo Schermistico Cuneese, e ha incontrato alcuni piccoli studenti, coinvolgendoli e facendoli divertire con la sua grande simpatia

0
398

Con la sua innata simpatia e tanta disponibilità Valerio Aspromonte ha conquistato gli studenti cuneesi delle classi terze e quarte dell’Istituto Comprensivo di Corso Soleri. Il campione di scherma, medaglia d’oro nel fioretto a squadre alle Olimpiadi di Londra nel 2012, per due giorni è stato a Cuneo, ospite del Circolo Schermistico presieduto da Beppe Lauria.

Prima, nella giornata di ieri, giovedì 21 dicembre, ha tirato di scherma insieme agli atleti cuneesi e agli schermidori di Amico Sport nella palestra di via Pascal. Un’esperienza bellissima per i ragazzi del Circolo Schermistico Cuneese, resa unica dalla grande disponibilità di Aspromonte, un’attitudine confermata anche nella seconda iniziativa: un incontro con alcuni bambini dell’Istituto Comprensivo di Corso Soleri, svolto al Centro Incontri della Provincia nella mattinata di oggi, venerdì 21 dicembre.

Dopo i saluti introduttivi del presidente del Circolo Schermistico Cuneo Beppe Lauria, presente insieme al presidente onorario Armando Albanese e al delegato provinciale del Coni Claudia Martin, la scena se l’è presa tutta Valerio Aspromonte. Il campione è riuscito a coinvolgere i bambini con battute e domande, dimostrandosi, oltre che uno sportivo di alto livello, anche un ottimo intrattenitore. Ha spiegato le caratteristiche principali del fioretto e della spada, facendo provare alcuni giovani studenti, che si sono sfidati in una vera gara di scherma, incitati dal grande tifo dei loro compagni in un clima davvero coinvolgente.

Poi, è venuto il momento delle domande dei bambini, che hanno “intervistato” Aspromonte. Gli hanno chiesto come ha iniziato a praticare la scherma: “Ero un bambino esuberante, mi piacevano le armi – ha raccontato -, così i miei genitori hanno deciso di indirizzarmi verso uno sport di combattimento dove però non ci si faceva del male. Quali sport ho praticato prima? Il nuoto, non il calcio, che non seguo, anche perché credo che i calciatori non siano l’esempio ideale da seguire per voi. E poi la danza classica. Lo so, è un po’ strano per un bambino, ma mi piaceva”.

Il campione olimpico ha poi dato un consiglio ai bambini: “Fare sport è importante, vi aiuta a crescere ed è bellissimo. Ma non dimenticate mai di studiare, una cosa fondamentale”. Consigli che, detti da un campione come Aspromonte, i bambini terranno ben a mente. Così come questa mattinata speciale: non capita tutti i giorni di poter scherzare con un campione olimpico.

Ai nostri microfoni, ecco le parole di Valerio Aspromonte.