Fondazione Mirafiore: il calendario completo degli incontri 2018-19

0
2743

Torna per il nono anno consecutivo Il Laboratorio di Resistenza permanente della Fondazione Emanuele di Mirafiore, presentato oggi alle 18.30 da Oscar e Paola Farnetti.

Dal 9 novembre al 25 aprile il teatro della Fondazione ospiterà incontri, letture, spettacoli, laboratori e momenti di approfondimento culturale, indagando i cambiamenti, le energie e le speranze della società di oggi. Si alterneranno sul palco importanti giornalisti, uomini e donne di cultura, scienza, economia, politica, spettacolo per una trentina appuntamenti per quella che ormai, dopo nove anni di attività, è una vera e propria comunità che si raccoglie ogni fine settimana per indagare la contemporaneità e riflettere su valori da proteggere, attraverso linguaggi sempre accessibili al pubblico ampio e intergenerazionale che è la vera anima del luogo.

Il Laboratorio di resistenza inizia il 9 novembre alle ore 19 con Oscar Farinetti che terrà una lezione dal titolo: Storia dei sentimenti umani tratta, una sorta di vero e proprio spettacolo che sta portando in giro per i teatri italiani. Un ideale viaggio, dalla preistoria ai giorni nostri per individuare le positività e le negatività di ogni periodo storico.

Si prosegue il 17 novembre, alle 18.30, con Roberto Lancellotti e Stefano Proverbio, manager ex direttori di McKirsey Italia, società internazionale di consulenza, che presenteranno il libro “Dialogo sull’immigrazione” (Mondadori). Scevri da posizioni ideologiche che talvolta caratterizzano i testi legati a un tema così complicato, gli autori sfatano moltissime affermazioni che ascoltiamo o leggiamo quotidianamente su giornali o tv, sintetizzabili in una serie di luoghi comuni: gli immigrati sono troppi, ci rubano il lavoro, delinquono più di noi.

Il 23 novembre alle 19 sarà la volta di Romano Prodi, che terrà una lezione dal titolo “Si è rovesciato il mondo! E poi?”. Romano Prodi, uomo simbolo della politica italiana negli anni a cavallo tra la fine del Novecento e l’inizio del Duemila, ci aiuterà a orientarci meglio nella confusione mondiale contemporanea. Come si può interpretare una realtà nella quale il leader del comunismo mondiale è a favore del mercato aperto, mentre un leader del capitalismo globale come il Presidente Trump è per una politica di chiusura nazionale? Questa la domanda dalla quale si partirà, per capire anche che cosa, in un quadro del genere, può fare l’Europa.

Ermal Meta sarà ospite della Fondazione il 30 novembre, alle 19, con un intervento intitolato “Le strade della parola”. Autore di successo, compositore di canzoni da hit parade (solo negli ultimi due anni, 6 dischi di platino e 4 ori) il cantante vincitore di Sanremo racconterà il suo percorso musicale e anche le sue radici e il suo paese di origine che è l’Albania.

Domenica 2 dicembre, alle ore 18, la Sindaca di Torino Chiara Appendino ci racconterà del valore del rispetto e della “sua” Torino, in dialogo con Oscar Farinetti, mentre sabato 8 dicembre, alle ore 18.30, lo scrittore Antonio Scurati terrà una lezione di taglio storico, ma anche letterario, incentrata sul suo ultimo libro (in vetta a tutte le classifiche) “M. Il figlio del Secolo” (Bompiani). Si tratta di un romanzo documentario nel quale Benito Mussolini si racconta in prima persona: un affresco storico che narra in maniera potente la nascita e la presa di potere del Fascismo fino all’assassinio di Giacomo Matteotti.

Nel 2019 ricorre il cinquecentenario della morte di Leonardo Da Vinci, talento universale del Rinascimento, che ha lasciato un corpus infinito di opere da studiare, ammirare e su cui tornare a riflettere ed emozionarsi. Ce ne parlerà, giovedì 13 dicembre alle ore 19, il celebre critico d’arte Vittorio Sgarbi, con una lezione dal titolo “Leonardo Da Vinci, un genio”.

“Da Pinocchio a Masterchef” è il titolo della lezione di Antonio Pascale, che sarà a Fontanafredda sabato 15 dicembre alle ore 18.30. Pascale, scrittore, saggista e anche ispettore presso il Ministero delle Politiche Agricole, ci racconterà un affascinante e divertente viaggio nella nostra storia agricola per parlare dello stato attuale delle cose, dei benefici che abbiamo ottenuto, ma anche dei costi che ora è necessario affrontare.

Come sempre, per gli auguri di Natale, sarà ospite della Fondazione il giornalista e scrittore Aldo Cazzullo, che il 21 dicembre, alle 19, ci presenterà il suo ultimo libro “Giuro che non avrò più fame” (Mondadori), che rappresenta l’ultimo capitolo della saga dedicata al Novecento italiano. Il libro tratteggia la miseria nera del dopoguerra, in un’emozionante ricostruzione nella quale compaiono anche molti politici come Alcide de Gasperi, Luigi Einaudi, Palmiro Togliatti o sportivi come Fausto Coppi e Gino Bartali.

Dopo la pausa natalizia, la Fondazione riapre il 17 gennaio alle ore 19 con Mario Martone, che ci parlerà della sua carriera di regista teatrale e cinematografico e della sua esperienza più che decennale di direttore del Teatro Stabile di Torino.

Il 19 gennaio, alle ore 18.30, saranno invece David Parenzo e la moglie Nathania Zevi a tenere una lezione dal titolo “Maschio e femmina li creò (Gen 1, 26-28): una tipica coppia ebraica italiana si racconta e confronta su cibo, tradizioni e humor ebraico.”

Antonella Clerici, fresca della nuova esperienza di Portobello, arriverà in Fondazione sabato 26 gennaio alle ore 18.30. Ci racconterà la sua lunghissima e solida carriera, dalle trasmissioni sportive alla fine degli anni Ottanta, al Festival di Sanremo, ai diciott’anni di La Prova del Cuoco, fino appunto alla nuova edizione dello storico programma di Enzo Tortora.

Mimmo Locasciulli, grande cantautore e amico di Francesco De Gregori e Antonello Venditti, sarà in Teatro sabato 2 febbraio alle 18.30, con una lezione dal titolo “Come una macchina volante” tratta dall’omonimo libro (Castelvecchi Editore), in cui sono narrate la sua infanzia di bambino a Penne (piccolo paese abruzzese) e la sua passione per la musica, in un arco di tempo che va dal 1949 al 1975. Il racconto sarà affiancato da canzoni che ci faranno ripercorrere dal vivo la sua interessante carriera.

Sabato 9 febbraio, alle 18.30, Enrico Rava – uno dei più grandi jazzisti italiani, con al suo attivo oltre sessanta dischi – ripercorrerà la sua lunga carriera artistica con una lezione dal titolo “Il mio jazz”.

La politica sarà di nuovo protagonista dell’incontro con Carlo Calenda, il 15 febbraio alle ore 19, che terrà una lezione dal titolo “Orizzonti selvaggi – capire la paura e ritrovare il coraggio.” Una riflessione sulle forze populiste e sovraniste che alimentano paure diffuse, vincono elezioni e minano i principi cardine delle Democrazie liberali.

Si parlerà di grande vino mercoledì 20 febbraio alle 19, con un vero mito del settore, Piero Antinori, che raccontando la storia della sua famiglia, racconterà l’agricoltura in Toscana dal 300 ai nostri giorni.

Non poteva mancare anche un focus letterario, con approfondimento sulla vita di uno dei più grandi scrittori italiani. “Una vita con Eco” è infatti il titolo della lezione che Danco Singer – Direttore del Festival della Comunicazione di Camogli – e Gianni Coscia – fisarmonicista di fama mondiale – terranno venerdì 22 febbraio alle ore 19. Una vita straordinaria, quella di Umberto Eco, che segna i momenti salienti della storia del pensiero, della comunicazione, della cultura, dell’editoria e della società della nostra era. Un racconto che si sviluppa anche partendo dai luoghi cari al Maestro: Alessandria, Milano, Parigi, Montecerignone, Camogli e New York. Gli incontri, le relazioni, le amicizie, tra intimità, affetto e confronto intellettuale.

Facciamo il punto: Tiriamo le somme… e le sottrazioni” è il titolo della lezione che terrà Alessandra Ghisleri venerdì 1 marzo alle ore 19 a pochi mesi dalle elezioni amministrative italiane ed europee. Sondaggista italiana, direttrice di Euromedia Research, Ghisleri ci racconterà il sentimento del Paese.

Arturo Brachetti, il noto trasformista e “ciuffo più famoso d’Italia”, racconterà di sé e della sua carriera che non ha conosciuto pause, del rigore e della contemporanea leggerezza della sua arte e anche della sua famiglia perché accanto a lui, dietro le quinte, ci sono sempre i suoi fratelli. Brachetti apparirà in Fondazione sabato 16 marzo alle ore 18.30.

Sabato 23 marzo, sempre alle 18.30, si tornerà a parlare di politica e di informazione con Marco Travaglio, dal 2015 direttore de Il Fatto Quotidiano, protagonista di un incontro dedicato alle “Fake news sulle fake news”.

Corrado Augias arriverà poi in Fondazione venerdì 29 marzo, alle 19, per tenere una lezione intitolata “Questa nostra Italia”, a partire dall’omonimo libro, edito da Einaudi. Un viaggio nei luoghi della nostra memoria collettiva e in quelli del suo cuore: dalla Milano del teatro alla Trieste di confine, transitando per Bologna dove il Nord incontra il Sud, poi Roma e Napoli per arrivare a Palermo, alle porte di un’altra civiltà con cui da sempre abbiamo dialogato. Un’opera civile e insieme intima, che scava alla ricerca di un’identità le cui radici affondano nei mille diversi volti di un paese grande, bellissimo e tormentato.

L’Italia sarà anche protagonista dell’incontro “Prevenire la corruzione: migliorare si può e si deve” di sabato 6 aprile, alle 18.30, con Raffaele Cantone. Magistrato, dal 2014 è Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione.

Nel corso del 2019 saranno inoltre fissati altri appuntamenti a sorpresa che comunicheremo in un secondo momento. Tra gli ospiti attesi, con data da definire, segnaliamo per ora Tito Boeri, attuale presidente dell’INPS; l’attrice polacca, ma naturalizzata italiana Kasia Smutniak e il sorriso più contagioso d’Italia, Mara Maionchi, sicuramente il volto più amato di X Factor.

Il ciclo di incontri terminerà, come da tradizione, il 25 Aprile con la grande festa partigiana nel Bosco dei Pensieri di Fontanafredda.

Le attività della Fondazione riprenderanno, poi, con le PASSEGGIATE LETTERARIE nel Bosco dei Pensieri, in programma in seconda parte di stagione, da maggio a luglio: un percorso nella natura alla riscoperta di grandi classici della letteratura mondiale.

La Fondazione e i Bambini

La Fondazione riconferma anche quest’anno, dopo il successo delle scorse edizioni, una nuova stagione di laboratori didattici gratuiti per le scuole primarie della provincia di Cuneo, un progetto realizzato in collaborazione con Fontanafredda e la Banca Popolare di Novara. Le iscrizioni per i laboratori (previsti i giovedì e i venerdì, da inizio novembre a fine maggio) sono aperte: per informazioni e prenotazioni è possibile scrivere a info@fondazionemirafiore.it

In ambito teatrale, la Fondazione propone alle famiglie una rassegna di spettacoli per i bambini, a cura di Lara Quaglia, con il contributo di compagnie teatrali professioniste provenienti da ogni parte d’Italia. Gli appuntamenti fissi sono nel teatro della Fondazione alle ore 16.30 la domenica pomeriggio e in occasione del Natale. La proposta abbraccia tutti i generi e le forme espressive: dalla clownerie alla fiaba musicale, dallo spettacolo di narrazione con musica dal vivo al teatro di figura, dalla fiaba al circo.

Si inizia domenica 16 dicembre con la compagnia Fratelli Ochner e lo spettacolo “Quel magico Natale” liberamente tratto dal celebre romanzo di C. Dickens “Il canto di Natale”; si prosegue poi: domenica 20 gennaio con Mr David e “La pazza storia del circo”; domenica 27 gennaio il Teatro dei mille colori propone “Cappuccetto Rock”, tra le più famose e conosciute fiabe europee che, in questa versione, si fa accompagnare da brani che hanno segnato la musica Rock; domenica 10 febbraio la Compagnia CaDanTea mette in scena lo spettacolo “F.A.T.A La magia degli elementi”; domenica 17 febbraio la rassegna teatrale si conclude con “Racconti in collina” di Daniela Febino e Katia Panero.

Ricordiamo infine che gli incontri sono sempre gratuiti e per partecipare occorre prenotarsi tramite sito www.fondazionemirafiore.it.

È inoltre possibile seguire le lezioni anche da casa in streaming tramite il sito.

Di seguito un riepilogo schematico degli incontri, in rosso gli spettacoli per bambini e famiglie.

LABORATORIO DI RESISTENZA 2018-19

DATA

OSPITE

TITOLO

venerdì 9 novembre h.19 OSCAR FARINETTI Storia dei sentimenti umani
sabato 17 novembre h.18:30 STEFANO PROVERBIO E ROBERTO LANCELLOTTI Immigrazione: tra falsi miti e scomode verità
venerdì 23 novembre h.19 ROMANO PRODI Si è rovesciato il mondo! E poi?
venerdì 30 novembre h.19 ERMAL META Le strade della parola: in viaggio con Ermal Meta
domenica 2 dicembre h. 18 CHIARA APPENDINO Il Rispetto
sabato 8 dicembre h.18:30 ANTONIO SCURATI M. il figlio del secolo
giovedì 13 dicembre h.19 VITTORIO SGARBI Leonardo Da Vinci, un genio
sabato 15 dicembre h. 18:30 ANTONIO PASCALE Da Pinocchio a Masterchef
domenica 16 dicembre h.16:30 FRATELLI OCHNER Quel Magico Natale
venerdì 21 dicembre h. 19 ALDO CAZZULLO Giuro che non avrò più fame
giovedì 17 gennaio h.19 MARIO MARTONE In viaggio tra cinema e teatro
sabato 19 gennaio h.18:30 DAVID PARENZO E NATHANIA ZEVI …Maschio e femmina li creò…” (Gen 1, 26-28)
domenica 20 gennaio h.16:30 MR DAVID La pazza storia del circo
sabato 26 gennaio h. 18:30 ANTONELLA CLERICI 30 anni di tv restando me stessa
domenica 27 gennaio h.16:30 TEATRO DAI MILLE COLORI Cappuccetto Rock
sabato 2 febbraio h. 18:30 MIMMO LOCASCIULLI Come una macchina volante
sabato 9 febbraio h.18:30 ENRICO RAVA Il mio jazz
domenica 10 febbraio h.16:30 CaDanTea F.A.T.A La magia degli elementi
venerdì 15 febbraio h.19 CARLO CALENDA Orizzonti Selvaggi – capire la paura e ritrovare il coraggio
domenica 17 febbraio h. 16:30 DANIELA FEBINO E KATIA PANERO Racconti in collina
mercoledì 20 febbraio h. 19 PIERO ANTINORI La famiglia Antinori e l’agricoltura in Toscana
venerdì 22 febbraio h. 19 DANCO SINGER E GIANNI COSCIA Una vita con ECO
venerdì 1 marzo h.19 ALESSANDRA GHISLERI Facciamo il punto: Tiriamo le somme… e le sottrazioni
sabato 16 marzo h. 18:30 ARTURO BRACHETTI Un po’ Fregoli, un po’ Peter Pan
sabato 23 marzo h. 18:30 MARCO TRAVAGLIO Le fake news sulle fake news
venerdì 29 marzo h.19 CORRADO AUGIAS Questa nostra Italia
sabato 6 aprile

h. 18:30

RAFFAELE CANTONE Prevenire la corruzione: migliorare si può e si deve
giovedì 25 aprile CELEBRIAMO LA RESISTENZA