Savigliano: arresto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare per un cittadino di origine albanese di Villanova Solaro | In carcere per stalking condominiale ed episodi di danneggiamento contro il consorzio Monviso Solidale

0
435

Nei giorni scorsi gli uomini della Compagnia Carabinieri di Savigliano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Cuneo a carico di un cittadino albanese, M. R. 40 enne, residente a Villanova Solaro (CN).

La misura cautelare era stata richiesta dagli inquirenti a seguito dei continui e ripetuti atti intimidatori commessi nei confronti dei vicini di casa, comprensivi di diversi danneggiamenti che venivano compiuti come azioni di “rappresaglia” nei confronti di tutte quelle persone che si opponevano alle continue azioni vessatorie del soggetto.
Nel corso delle indagini è emerso che in varie occasioni l’uomo aveva danneggiato anche attraverso piccoli incendi, le abitazioni e le proprietà dei vicini. Inoltre in più occasioni si era reso protagonista di atti di intolleranza ed episodi di violenza “gratuita” nei confronti di persone che incontrava casualmente e che si erano opposte alla sua prepotenza.

I militari delle Compagnie di Savigliano, Saluzzo e Fossano, hanno altresì raccolto a carico di M.R. gravi indizi di colpevolezza anche in ordine alla sua responsabilità circa i diversi episodi di danneggiamento, anche tramite incendio, ai danni del Consorzio “Monviso Solidale” avvenuti nei primi mesi dell’anno.
Il lavoro degli inquirenti ha permesso di focalizzare le indagini su una ristretta cerchia di possibili autori che a vario titolo potevano nutrire dei risentimenti nei confronti del Consorzio, sino ad arrivare all’individuazione di un unico soggetto su cui si sono poi concentrati gli sforzi investigativi. A seguito dei numerosi risconti ottenuti, suffragati dal ritrovamento presso l’abitazione dell’arrestato di due lenzuoli, opportunamente modificati per poter essere “indossati” così da rendere difficile la propria identificazione, è stato possibile collegare M.R. anche agli episodi delittuosi ai danni del Consorzio “Monviso Solidale”.
L’uomo si trova attualmente ristretto presso la Casa Circondariale di Cuneo, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.