Juniores Provinciali – Squalifiche esemplari per l’Auxilium Cuneo dopo il match contro il Valvermenagna: “Un arbitraggio mai visto”

0
411

E’ successo di tutto nel match che lo scorso sabato ha messo di fronte Valvermenagna ed Auxilium Cuneo, valido per il campionato di Juniores Provinciale. Per la cronaca, a vincere sono stati i cuneesi con un rocambolesco ed inatteso 4-3, ma al centro dell’attenzione è stato un finale di partita con espulsioni a raffica e tensione alle stelle.

 

Tre gli espulsi nell’Auxilium, con squalifiche esemplari (di cui una fino al 31 dicembre, una fino al 30 giugno e una per tre giornate, per un ammontare complessivo di dieci mesi e tre partite) riportate nell’ultimo comunicato della Lnd. La società del capoluogo, però, non ci sta, ed esprime la propria versione dei fatti attraverso Fausto Paschetta, dirigente ed allenatore della squadra: “E’ assurdo. Sono volate parole che sono da condannare, lo ammetto, ma l’arbitraggio è stato scandaloso. Da quarant’anni sono nel mondo del calcio, ma non avevo mai visto un direttore di gara che facesse durare il secondo tempo sessanta minuti, con quindici di recupero effettivi, dopo che quelli assegnati erano stati sette, comunque già spropositati. Non abbiamo detto nulla all’arbitro durante la gara, rispetto a quanto fatto da altri, ma alla fine è diventato un accanimento. Prima l’espulsione di due ragazzi in contemporanea per perdita di tempo, quando si era ormai giunti al nono, decimo minuto di recupero, poi l’altra espulsione, per un atteggiamento da condannare, ma prodotto dall’esasperazione a cui siamo stati condotti. E’ tutto veramente clamoroso”.

 

Una situazione paradossale, visto l’entusiasmo per il successo finale: “E’ un direttore di gara che già ci aveva penalizzati in un altro precedente, con atteggiamenti sopra le righe. Peccato, perchè in campo i ragazzi avevano fatto un’impresa, vincendo 4-3 contro una squadra che partiva nettamente favorita, visto che era terza in classifica, mentre noi eravamo terzultimi. Non faremo comunque ricorso, perchè sarebbe vano, ma situazioni del genere non dovrebbero mai accadere in un campo provinciale”.

 

Carlo Cerutti – Redazione Sportiva Ideawebtv.it