Impiego di oltre 35 militari e 15 autovetture per il pattugliamento di tutto il territorio acquese e paesi limitrofi | Nel weekend appena trascorso identificati 120 soggetti e 41 veicoli, deferite 24 persone per reati di vario genere e ritirate 5 patenti

0
271

Nello scorso weekend, teatro di numerosi eventi ludici nei vari paesi della giurisdizione, ancora un potenziamento dei servizi sul territorio disposti dalla Compagnia di Acqui Terme.

I militari hanno posto sul campo un dispositivo a cosiddetto “alto impatto”, mediante l’impiego di oltre 35 militari e 15 autovetture (provenienti dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia nonché dalle 10 stazioni dipendenti) che hanno pattugliato tutto il territorio di competenza con particolare attenzione a quei luoghi teatro di assembramenti di persone legate sia al flusso turistico che agli eventi paesani.

I risultati di questo servizio coordinato hanno condotto all’identificazione di oltre 120 persone soggetti e 41 veicoli, al deferimento in stato di libertà di 24 di loro per reati vari ed al ritiro di 5 patenti di guida.

Tra i denunciati 16 sono per reati riguardanti l’immigrazione: si tratta di cittadini extracomunitari che, fermati nei centri cittadini, sono stati ravvisati quali irregolari sul territorio nazionale, o privi dei documenti di identificazione o in violazione di precedenti provvedimenti di allontanamento.

Per tutti sono state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale.

Uno dei fermati, un nigeriano 35enne è stato trovato anche con un grinder contenente marijuana e pertanto segnalato in Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.

I controlli su strada hanno condotto anche al ritiro di diverse patenti di guida ed al deferimento in stato di libertà di cinque persone per guida in stato di ebbrezza e/o stupefacenti: il loro tasso alcolemico era superiore a quello previsto dalla legge: addirittura in un caso si sono raggiunti i 3.32 g/l quando il limite di legge è 0,50 g/l.

In due casi i guidatori, oltre che positivi all’alcol sono stati ritrovati positivi a sostanze stupefacenti (in un caso cocaina e nel secondo caso cannabinoidi).

Sempre a seguito di controlli stradali e di perquisizioni delle autovetture ritenute sospette, sono state denunciate altre 5 persone.

Nel primo caso un residente di Rocca Grimalda è stato trovato alla guida del proprio mezzo privo di patente di guida perché revocata.

Il soggetto, peraltro, risultava recidivo alla violazione e pertanto deferito in stato di libertà.

 

Inoltre due cittadini stranieri (un nigeriano ed una rumena) sottoposti al divieto di ritorno dal Comune di Ovada per i loro numerosi precedenti penali, sono stati fermati, in due differenti occasioni, mentre giravano per le vie della città.

Sono stati pertanto deferiti in stato di libertà per la violazione del divieto di ritorno.

 

Ad Acqui Terme ed Ovada due deferiti in stato di libertà per possesso di armi bianche ed arnesi atti allo scasso.

Ad Acqui si tratta di un ragazzo appena maggiorenne trovato con un coltello lungo complessivamente 16 cm, mentre ad Ovada è stato fermato e perquisito un siciliano noto per le truffe cd. dello specchietto.

A bordo dell’autovettura trovati martelli, pinze ed attrezzi atti allo scasso.

Per quest’ultimo è stato altresì proposto il foglio di via con divieto di ritorno dal Comune di Ovada.

A Molare, sia nel weekend scorso che in quelli precedenti, controlli dei Carabinieri anche nelle zone vicine ai fiumi ove spesso è stata segnalata sosta selvaggia da parte di autoveicoli che spesso impediscono il regolare transito sulle strade del posto. Diverse le contravvenzioni elevate per varie violazioni inerenti la sosta.

Inoltre ad un giovane di Campo Ligure, fermato a bordo della propria autovettura, sono stati rinvenuti oltre 5 grammi di hashish e pertanto segnalato quale assuntore di sostanze stupefacenti.

I controlli della Compagnia di Acqui Terme proseguiranno nelle prossime settimane, con la prosecuzione della stagione estiva e delle fiere che verranno ospitate in numerosi centri della giurisdizione.