Sorpreso tra Guarene e Castagnito, trasporto di prodotti ittici sfusi in stato di deterioramento destinati alla ristorazione locale

0
372

Durante un normale Servizio di controllo del territorio sui Comuni di Guarene e Castagnito, personale facente parte della Convenzione Polizia Locale Castagnito –  Guarene, ha sorpreso un piccolo autocarro che trasportava numerosi prodotti ittici sfusi  in gran parte in cattivo stato di conservazione nonché deteriorati.

In particolare durante i primi controlli è stato accertato dagli Agenti che il conducente, un italiano con alcuni precedenti penali e residente nell’alessandrino, circolava con l’autocarro controllato risultante in pessime condizioni e non idoneo al trasporto di alimenti, soprattutto prodotti freschi senza impianto di refrigerazione poiché non funzionante da tempo.

Appurate tali gravi violazioni di trasporto, provenienza e conservazione degli alimenti i Poliziotti Locali hanno richiesto l’ausilio dell’ASL CN 2 di Alba, Servizio Veterinario, che prontamente ha inviato due Medici specializzati e facenti parte dell’Area Igiene ed Alimenti che hanno constatato eseguendo accertamenti, anche mediante strumentazioni, la cattiva conservazione ed il deterioramento degli alimenti trasportati.

A seguito di tali verifiche pertanto, oltre ad elevare sanzioni per svariate migliaia di Euro nonché bloccare il  vetusto veicolo la polizia locale ha provveduto a sequestrare al fine della distruzione i numerosi prodotti ittici trasportati deferendo alla Procura della Repubblica di Asti il conducente nonché responsabile diretto per aver trasportato e tentato di vendere alimenti deteriorati ed in assenza di certificazioni attestanti la provenienza.

Fortunatamente grazie al controllo eseguito in prima mattinata nonché al tempestivo intervento nessuno di questi alimenti è riuscito ad essere collocato nella ristorazione della zona.

Da sempre le pattuglie di Polizia Locale effettuano controlli su strada relativamente al trasporto degli alimenti soprattutto nei fine settimana e nei periodi estivi al fine di bloccare, come in questo caso, trasporti di alimenti deteriorati e non certificati ad opera di operatori abusivi del settore.