Mondovì: mostra di pittura con Asta finalizzata alla raccolta di fondi per la ricostruzione di Illica, frazione di Accumoli, devastata dal recente terremoto

0
571

Sabato 25 marzo alle ore 17,30, presso “Antico Palazzo di Città” in Piazza Maggiore a Mondovì, sarà inaugurata una mostra d’arte che terminerà, la settimana successiva, con un’asta (sabato 1 aprile alle ore 15) il cui ricavato sarà devoluto ad una Associazione preposta per la ricostruzione di Illica, frazione di Accumoli provincia di Rieti, tristemente nota in quanto devastata dal recente terremoto che ha sconvolto il centro Italia.

L’evento, patrocinato dal Comune di Mondovì e sostenuto da varie Associazioni, tra cui il “Rotary Club “e “Le Signore della Pittura”, presenterà una cinquantina di artisti provenienti da diverse zone d’Italia.

Le opere presenti trattano le tematiche più disparate: da scorci monregalesi a soggetti floreali, da figure e scene campestri, utilizzando tecniche svariate: matita, acquerello, pittura ad olio, acrilico, ceramica e tecniche miste.

Gli appassionati d’arte troveranno una ghiotta occasione per apprezzare un’esposizione collettiva di artisti selezionati (di cui diversi nomi noti nel panorama dell’arte) che, proprio per la varietà di stili e personalità, potrà appagare i gusti e le esigenze più svariati.

Da sottolineare, inoltre, che ogni contributo, acquistando un pezzo della mostra, sarà un sostegno importante per il fine umanitario dell’evento.

Le opere sono già visibili presso la “Saletta d’Arte” in Mondovì sede dell’Associazione Le Signore della Pittura.

 

IL TERREMOTO AD ILLICA

Nel recente terremoto del Centro Italia, la frazione di Accumoli “ILLICA”, è stata uno dei paesi più devastati dal sisma poiché posto a soli 2000 metri dal punto dove, a 8 km di profondità, è avvenuto il distacco della crosta terrestre nella maledetta notte del 24 agosto 2016. 

 I successivi terremoti del 26 e 30 ottobre hanno ulteriormente aggravato la situazione distruggendo di fatto tutte le abitazioni che componevano il paese.   
Prima di tutto l’Associazione Culturale Illica esprime il più sentito cordoglio per le cinque vittime di Illica… amici che ricorderemo sempre con affetto: Ana, Dina, Vinicio, Assunta e Giovanni…
A voi ed alle vostre famiglie va il nostro pensiero…
Per non dimenticarci di questo luogo magico nascosto tra i Monti della Laga, l’Associazione Culturale Illica ha attivato una raccolta di donazioni tramite IBAN per far sì che sia possibile ricostruire una speranza per tutti gli illichesi e per tutti coloro che lì hanno condiviso i ricordi migliori della propria vita.  

Tutto il ricavato della raccolta dei fondi, della quale è possibile avere visione su questo sito, sarà utilizzato in pieno accordo e nel rispetto degli interventi previsti dagli Enti preposti alla ricostruzione e prevederà la realizzazione di diversi progetti che verranno poi scelti dagli Illichesi tutti. 
Tra i progetti in cantiere evidenziamo: 

Il centro culturale

Vorremmo costruire un prefabbricato che possa funzionare da area aggregativa e ricreativa, che comprenda servizi igienici, una sala con sedie e tavoli, un’area “ristoro” attrezzata con una cucina e un bar, e una sala dove poter posizionare il nostro amato Museo della civiltà Contadina “Franco Casini” che racchiude tutti gli utensili degli avi nati nel nostro paese dal 1800 ad oggi (museo gemellato con il Museo di Micigliano e punto di partenza della “Festa Contadina” – festa folkloristica della nostra frazione – che da circa 10 anni è stata e dovrà continuare ad essere il fiore all’occhiello delle nostre estati illichesi).
Tutto ciò quindi aiuterebbe la comunità di Illica a non disperdersi negli anni della ricostruzione del paese, essa permetterebbe infatti, a chi vuole di poter andare in paese e poter trovare un tetto sotto il quale stare, poter mangiare, e usufruire di servizi igienici. 

   
L’area giochi per bambini

​Illica è un paese pieno di bambini e poiché riteniamo che le nuove generazioni rappresentino il futuro della nostra frazione vogliamo ricreare un luogo a loro dedicato dove partire per riscrivere la storia di questo luogo. L’idea è quella di allestire un’area polifunzionale dove i bambini possano imparare giocando e tornare finalmente a sorridere. 

Il presidio di accoglienza e primo soccorso

Il sisma insegna a caro prezzo l’importanza della prevenzione.  E’ in quest’ottica che vorremmo allestire un’area di assistenza per situazioni di emergenza, dove poter fornire un primo e concreto aiuto a chiunque ne abbia bisogno, installando ad esempio un defibrillatore semiautomatico.

L’isola polisportiva

Lo spirito di aggregazione è sempre stato il motore principale degli abitanti di un paese. Da questa consapevolezza nasce l’idea di realizzare un’area da dedicare allo sport, dove si possano promuovere e sostenere i valori educativi e formativi dello sport e della socializzazione. 

 

Gli arredi urbani

Nelle fasi di ricostruzione, vorremmo affiancare il Comune e gli organismi preposti nella realizzazione di tutte quelle opere che non potranno beneficiare dei finanziamenti statali. Vorremmo quindi dedicarci ai futuri bisogni di chi vorrà far rivivere il paese, nel tentativo di ritrovare piccoli, ma importanti spazi urbani di vita comune.  

Di volta in volta che riusciremo a realizzare questi progetti ne daremo notizia sul sito dove sarà possibile avere un resoconto dettagliato delle entrate e delle spese che verranno effettuate per la comunità