Un trattore acquistato dai cittadini albesi è partito per l’Uganda

0
118

Sabato 21 novembre un trattore è partito da Alba per Kalongo nel nord dell’Uganda verso la comunità gestita da Prisca Ojok Auma. Servirà per la bonifica e la lavorazione di terreni incolti utili per piantagioni e produzioni di cibo.

A salutarlo c’era anche il Sindaco Maurizio Marello accanto al fotografo del Gruppo Editoriale San Paolo Severino Marcato che ha seguito tutta l’iniziativa: dalla ricerca del trattore alla raccolta fondi fino alle pratiche per la spedizione in Africa.

 

«Questa è la seconda volta che nell’arco di pochi anni partono dei mezzi agricoli per l’Uganda dove c’è il progetto che Prisca sta portando avanti per poter bonificare i terreni e dare lavoro ai ragazzi – sottolinea il Sindaco Maurizio Marello – Questo dimostra il legame forte che si è creato tra la città e questo lontano paese dell’Africa grazie all’impegno di Severino Marcato che ha coinvolto tanti volontari, tante persone che fanno offerte significative. Sono prospettive di solidarietà che si aprono verso gli esseri umani più poveri del mondo. Per la causa, in città ci sono state diverse iniziative. Proprio un anno fa durante la serata “Donne per le donne”, la sfilata con abiti ugandesi indossate da donne di Alba, come Amministrazione abbiamo voluto consegnare un riconoscimento a Prisca Ojok Auma come animatrice della rinascita di Kalongo per sottolineare l’impegno di questa giovane ragazza e il bel legame esistente con gli albesi».

 

Secondo quanto spiega Severino Marcato «il trattore servirà a 1.600 donne vicine alla comunità di Priska che hanno avuto un terreno ed attualmente lo lavorano con le zappe. Il veicolo agricolo impiegherà quarantacinque giorni per arrivare a Kalongo. Da Alba andrà a Genova dove sarà caricato su un container che lo porterà a Mombasa in Kenya e poi percorrerà altri 400 chilometri in camion verso Kalongo. Tutta l’operazione è costa 17 mila e 500 euro finanziata da alcuni albesi che hanno donato alla causa finora 13 mila e 500. Ne mancano 4 mila ancora da raccogliere».

 

Questo è il secondo trattore spedito in Uganda. Il primo è stato inviato nel 2010. Severino Marcato racconta di aver incontrato Prisca Ojok Auma nel 2010 durante un viaggio in Africa con tappe in Uganda, Ruanda, Kenya e Burundi. Prisca gestiva una comunità che si occupava di ragazze e ragazzi rapiti e trasformati in guerrieri durante una guerra durata ventitre anni. Le ragazze lavoravano i terreni con le zappe e mostrandoli a Severino, Prisca aveva espresso il desiderio di avere un trattore. Severino mandò un-email al giardiniere Flavio Molino che ha trovato un trattore dalla ditta Felice Gavarino di Alba. Un trattore vecchio modello robusto e durevole nel tempo. Così, ad Alba è partita la gara di solidarietà per aiutare Kalongo ed il trattore arrivò nel febbraio 2011.

 

Ora, un altro trattore identico per lavorare ulteriori terreni dando lavoro e cibo alle persone attraverso la produzione di mais, arachidi, fagioli, manioca e anche arance dopo la generosa donazione di 3 mila alberi da parte della Regione Sicilia. Così giovani ragazze ed ex bambini soldato lavorano le terre.