Gdf, accertata ingente evasione fiscale nel saviglianese | Una società operante nel settore edilizio ha sottratto a tassazione oltre 3 milioni di euro

0
394

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Cuneo,  nell’ambito dell’attività istituzionale di contrasto all’evasione fiscale, ha recentemente concluso un accertamento nei confronti di una società, con sede nel saviglianese, a capo di un gruppo di imprese operante nel settore dell’edilizia.

 

Le risultanze del controllo, ad avviso degli operanti, hanno fatto emergere che, dal 2010 al 2012, i responsabili della società, attraverso articolate operazioni “infragruppo” e ricorrendo all’emissione di “note di credito” fra le società collegate, avevano sensibilmente compresso i ricavi della “capofila” con conseguente riduzione delle imposte dovute, anche ai fini dell’IVA.

 

Al termine di una puntuale ed accurata ricostruzione della documentazione contabile relativa agli scambi commerciali fra le società collegate le Fiamme Gialle hanno calcolato un ammontare di reddito sottratto a tassazione per circa 3 milioni di euro per tutto il periodo preso in considerazione, nonché l’illegittima detrazione dell’imposta dovuta per circa 300.000 euro a cui dovranno aggiungersi le sanzioni e gli interessi calcolati sull’arco degli anni interessati dalle dichiarazioni infedeli.

In ragione dell’importante volume d’affari complessivo dell’azienda, il pur rilevante importo evaso oggetto di contestazione, non ha assunto valenza penale.