Fossano: inaugurata la centrale di San Magno (VIDEO E FOTO)

La centrale è stata inaugurata con la collaborazione tra Alpi Acque e il Comune di Fossano

0
416

Questa mattina è stata inaugurata la centrale di San Magno di Alpi Acque a Fossano. Presenti il Sindaco fossanese Dario Tallone, il Senatore Giorgio Bergesio, il Presidente di Alpi Acque Simone Mauro, Matteo Gagliasso in rappresentanza della Regione Piemonte, l’AD di AETA Lorenzo Veronese e Beppe Rossetto del gruppo Egea.

“Questo è un importante investimento di Alpi Acque che non è ancora terminato – dichiara Simone Mauro Presidente di Alpi Acque – Nel prossimo triennio verranno fatti ulteriori investimenti circa 3,5 milioni di euro a Fossano mentre nell’ultimo triennio sono stati effettuati oltre 2 milioni di interventi. Bisogna fare un tavolo con le Istituzioni per l’emergenza siccità e una di queste istituzioni che si dovrà sedere a questo tavolo è la Regione Piemonte che dovrà dare una linea di indirizzo, perché il sud del Piemonte è stato dichiarato l’area di maggiore rischio per la siccità ed è un paradosso visto che sono presenti le montagne nella provincia di Cuneo. Noi ci siamo come Alpi Acque per soluzioni a problemi”.

Così Matteo Gagliasso, Consigliere Regione Piemonte: “Bisogna arrivare all’inizio di giugno ad avere quelle deroghe per far arrivare l’acqua a tutti i cittadini senza dover arrivare a ridosso delle criticità e senza aver provvedimenti già in atto. In altre province avranno altri sistemi, ma qui grazie alle montagne l’acqua c’è e il problema è che viene dispersa in maniera diversa”.

Il Senatore Giorgio Maria Bergesio: “Quello di oggi è un tema importante. Le energie alternative, il bio metano, la banda larga sono tanti aspetti che sono stati portati a Fossano; abbiamo qualche problema con le infrastrutture come la tangenziale che, entro un anno, dovrà essere completata perché c’è la problematica del casello di Tagliata. Il progetto di fognatura in Via Torino verrà completato entro l’autunno 2022”.

Beppe Rossetto del gruppo Egea: “Ho apprezzato stamani chi si è impegnato, bisogna ricordare che c’è un presente, un futuro e anche un passato. Il gruppo Egea è al fianco vostro, è a fianco di tutti gli investimenti che si vogliono fare su questo territorio e che attengono alle nostre competenze, lo facciamo volentieri perché abbiamo dei punti di riferimento qualificanti in cui ci relazioniamo a Roma, a Torino e a Fossano. Noi siamo sempre al fianco su quello che Fossano intenderà a fare. Se noi siamo riusciti a limitare i danni di questa situazione (siccità) è dovuto al ragionamento sulla diversificazione delle fonti, di approvvigionamento e sulle interconnessioni. Dò un messaggio di speranza: noi lavoriamo perché Alpi Acque e tutte le realtà che lavorano in questa provincia possano lavorare stabilmente nel futuro attraverso un accordo a livello provinciale e con un protocollo di intesa più ampio, su cui l’apporto dei fossanesi è determinante. Il gruppo Egea ha assunto più di 360 persone e ha fatto notizia anche a livello nazionale perché altrove non è sempre così perché c’è speranza di crescita e di sviluppo”.

Per quanto riguarda il cantiere di Via Torino è stato siglato un protocollo di intenti tra Alpi Acque e il Comune di Fossano, l’unico in provincia di Cuneo; questo protocollo congiunto è stato fatto per evitare di scavare due volte. Questo progetto è definitivo e durerà circa 6 mesi con il termine dei lavori in autunno 2022, con la partenza in inverno o in primavera.