A Caraglio il flash mob per le scuole aperte citando Malcom X: “La scuola è il nostro passaporto per il futuro” (FOTO e VIDEO)

Continuano le manifestazioni davanti alle scuole e nei luoghi simbolo dei vari Comuni cuneesi. Stamattina l'iniziativa a Caraglio ha raccolto il sostegno del Sindaco, Paola Falco, ex insegnante.

0
587

A Caraglio, di fronte all’Istituto Comprensivo “A.M. Riberi”, questa mattina, sabato 13 marzo, alle ore 10.00 si è svolto il Flash Mob Scuole Aperte.

Molti gli interventi da parte degli organizzatori, che si sono aperti sulle parole di Malcom X, il famoso attivista statunitense: « La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo». La citazione è stata usata per sottolineare come, dopo 50’anni, il significato di questa affermazione sia più che mai attuale. « Oggi ci troviamo a vivere in una società complessa, dove il tecnicismo e il nozionismo che la scuola ha offerto in passato non è sufficiente a preparare i nostri ragazzi ad affrontare il loro presente e tanto meno il loro futuro. Oggi abbiamo bisogno di competenze “altre”, la scuola è cruciale nell’insegnare ai nostri figli a vivere e nel trasmettere le 10 LIFE SKILLS identificate come fondamentali dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità):

– CONSAPEVOLEZZA DI SE’
– EMPATIA
– GESTIONE DELLE EMOZIONI
– PENSIERO CREATIVO
– GESTIONE DELLO STRESS
– PENSIERO CRITICO
– COMUNICAZIONE EFFICACE
– PRENDERE DECISIONI
– RELAZIONI EFFICACI
– RISOLVERE PROBLEMI

queste competenze nel ’93 sono state definite prioritarie per l’insegnamento e per il senso sociale che la scuola deve avere».

A sostegno dell’iniziativa è intervenuto anche il Sindaco di Caraglio, Paola Falco, che da ex insegnante conosce molto bene la realtà scolastica.

Alla manifestazione hanno partecipato numerose famiglie con gli alunni dell’Istituto e diverse insegnanti che oltre a ricoprire un ruolo attivo all’interno della scuola, sono anche madri e per questo vivono da entrambe le “facce della medaglia” la didattica a distanza.