L’Istituto Comprensivo di Govone crea un “Eco Comitato” tra i paesi del Roero Orientale

0
72
Gabriella Benzi

Un “Eco Comitato” in rappresentanza di tutta la comunità scolastica del Roero Orientale: è vero, ed è allo studio, in seno all’Istituto Comprensivo di Govone che -oltre al paese sabaudo- raduna a sé anche le realtà territoriali di Castagnito, Castellinaldo d’Alba, Magliano Alfieri e Priocca. Studenti, insegnanti, personale amministrativo e ausiliario, genitori, associazioni locali e amministrazioni civiche: ma anche i gruppi di Protezione Civile di quest’area che va dalla Valle Tanaro e sino ai confini con la parte settentrionale del Roero e con il vicino Astigiano.

Con quale obiettivo? Lo spiega la stessa dirigente scolastica prof. Gabriella Benzi: «Dare concretezza all’adesione del nostro Istituto al programma “Eco-Schools”, gestito dalla Fondazione per l’Educazione Ambientale». Questa istituzione ha un carattere addirittura “mondiale”: essendo impegnata in circa 80 nazioni del pianeta, operando come un’organizzazione internazionale non governativa e no-profit che agisce dal 1981 a partire dalla sua sede a Copenhagen, Danimarca.

«L’obiettivo principale dei programmi del Fee -precisa la Dirigente- è la diffusione delle buone pratiche ambientali, attraverso molteplici attività di educazione, formazione ed informazione per la sostenibilità».

Una task-force, dunque, quella che si prospetta: e che, proprio in questi giorni, sta muovendo i primi passi. A partire dalla richiesta, ai sindaci interessati, di designare un proprio ambasciatore in questa vera e propria squadra: «Per farsi da portavoce delle esigenze ambientali del territorio, e sostenere le iniziative del programma», conclude la Benzi.

E’ una mossa significativa, quella dell’ Eco Comitato: perché offre un’ulteriore misura di una scuola (che già da tempo è stata riconosciuta come “Polo regionale” per le avanguardie educative) in cui esiste davvero una piena interazione tra alunni e contesto circostante, e dove la sensibilità all’ambiente potrà davvero definirsi “3.0”, evoluta, da esempio.

Paolo Destefanis