Emergenza Covid, Veglio (DG ASL CN2) sull’ospedale di Verduno: “Oggi siamo riusciti a dimettere 12 persone, un numero importante”

"Facciamo un lavoro meraviglioso. Perchè è tutto gestito con ordine, seppur con la dovuta fatica, ma la struttura sta reagendo bene e dà il meglio di sé. Con tutti i pazienti"

0
499
Massimo Veglio, direttore generale dell'ASL CN2 (foto di repertorio)

Massimo Veglio, direttore generale dell’ASL CN2, questa sera è stato raggiunto al telefono per un punto sull’emergenza sanitaria a causa del Covid-19, nello specifico per l’azienda sanitaria di competenza e sull’ospedale “Michele e Pietro Ferrero” di Verduno. ASL CN2 che, sempre questa sera, ha diramato una smentita su “Nessun rischio di assistenza inadeguata”.

Siamo molto impegnati, ci sono tanti pazienti e gli operatori sono stanchi. Però, facciamo un lavoro meraviglioso. Perchè è tutto gestito con ordine, seppur con la dovuta fatica, ma la struttura sta reagendo bene e dà il meglio di sé. Con tutti i pazienti. In Pronto Soccorso i pazienti sono gestiti all’interno, perchè sufficientemente ampio e accogliente per tutti coloro che ne hanno bisogno.

Abbiamo una struttura che regge e un territorio che riceve. Oggi siamo riusciti a dimettere 12 persone, un grande numero. Un lavoro di squadra e complessivo che funziona molto bene. Siamo solidi, grazie all’impegno estremo di tutti. Nessuno si gira i pollici e tutti lavorano con la pancia a terra.

I cittadini devono rispettare le regole all’estremo, solo così riusciamo a ridurre la diffusione del virus. Se si sta, di più, ognuno a casa propria, si riduce la propagazione. Di conseguenza si ridurranno i contagi, i malati, i ricoveri e la pressione sugli ospedali. La situazione al momento è gestita, con professionalità. Ogni giorno, si fa uno sforzo maggiore“, ci ha spiegato il dott. Veglio.