La rassegna “Recondite Armonie” prosegue a Saluzzo e Savigliano con “Le Ultime 3 Sonate” di Beethoven e “Bach e Telemann al Caffé Zimmerman”

0
394

Multiformi sfaccettature, visione aliena da barriere di qualsiasi specie, costituisce un feed-back del calendario 2020 di “Recondite Armonie”.

Un atteggiamento caleidoscopico da non confondersi con una disordinata accoglienza di qualsivoglia suggestione, bensì piuttosto rispondente a precisi fili conduttori, attenti a favorire nell’ascoltatore tragitti di approfondimento critico-estetico, spettacoli diversificati e variegati che contemplano una pluralità di forme espressive, spaziando dalla musica colta (classica), alla musica popolare, alla musica jazz (Jazz and wine), sia autoctona sia straniera, dalla letteratura alla musica liturgica. La rassegna 2020 “RECONDITE ARMONIE – Oltre i Confini” è questo.

Il prossimo concerto è previsto per venerdì 9 ottobre Savigliano, presso l’Auditorium Croce Nera alle ore 21 si esibirà il pianista Gianluca Luisi con “Le ultime tre sonate” di Ludwig Van Beethoven.

LE ULTIME TRE SONATE (0p. 109/110/111)

Gianluca Luis – pianoforte

Gianluca Luisi è considerato dalla critica internazionale (Potsdamer Nachrichten, Fanfare , New York Concert reviews at Carnegie Hall, Musica, American Record Guide) uno dei migliori pianisti italiani del nostro tempo. I suoi concerti hanno riscosso entusiastici consensi dal pubblico di ogni parte del mondo. Si è esibito in sale prestigiose come ad esempio: La Maison Symphonique di Montreal , Canada, la Toyota Concert Hall e Nagoya Concert Hall, Giappone , lo Shenzhen Grand Theater e la New Shanghai Symphony Hall, Cina, il Nuovo Auditorium di Milano e Teatro San Carlo (Italia), la Mozart Saal (Stuttgart Bachakademie), la Max Reger Halle e Walter Gieseking Hall, Germania, la Szymanowski Concert Hall, Katowice (Polonia), nel Bauman Auditorium di Portland, Rosa Center Lower College, USA ed è stato invitato a tenere concerti per istituzioni storiche come ad esempio: la Carnegie Hall (New York), il Musikverein (Vienna), lo Schleswig Holstein Musik Festival (Amburgo), il Festival di Husum (rarità della musica pianistica), le Serate Musicali di Milano e per il Tiroler Festspiele (Austria), le Bachtage a Potsdam (Berlino), il Festival Bach a Lipsia e Koethen ed in molte altre associazioni musicali internazionali.

LE ULTIME TRE SONATE: 

Sonata per pianoforte n. 30 in Mi Maggiore op. 109

Sonata n. 31 in La Bemolle op.110

Sonata in Do minore Op. 111 

Domenica 11 ottobre alle ore 16,30 Saluzzo, presso la Confraternita della Croce Nera, “J. S. BACH – G. P. TELEMANN AL CAFFÈ ZIMMERMAN” con Arianna Stornello, soprano, Ubaldo Rosso al flauto barocco e Massimiliano Faraci al clavicembalo

La più nota caffetteria di Lipsia, due personaggi del calibro di Georg Philip Telemann e Johann Sebastian Bach e una associazione musicale come il Collegium Musicum. È dalla combinazione di questi elementi che : la Zimmermannsche Kaffeehaus fra il 1720 e il 1741 organizza concerti per un pubblico che oggi definiremmo “borghese”, e ospita fra le altre cose la prima esecuzione della Cantata del Caffè.

Arianna Stornello si avvicina alla musica all’età di quattro anni all’interno della scuola dei Piccoli Cantori di Torino. Studia clarinetto presso il Conservatorio di Torino e si dedica in seguito alla pratica del canto esibendosi in formazioni quali Coro G, Torino Vocalensemble, Coro Giovanile Italiano, Vox Libera, l’Ensemble del Giglio ed Eos Ensemble. Parallelamente consegue a pieni voti la laurea di “Comunicazione Interculturale” presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Torino. Intraprende lo studio del canto sotto la direzione di Alessandra Cordero e partecipa a corsi di perfezionamento con Yva Barthélémy, Mirella Freni e si avvicina al repertorio cameristico con Erik Battaglia e Valentina Valente. Approfondisce lo studio e la prassi del repertorio antico e barocco con Sara Mingardo, Barbara Zanichelli, Alessio Tosi e della gestualità barocca con Deda Cristina Colonna. Ottiene importanti premi nell’ambito di competizioni internazioni quali il prestigioso concorso “Francesco

Provenzale” presso la Pietà dei Turchini di Napoli (terzo premio) e l’ “International Voice Competition Renata Tebaldi” di San Marino nella sezione repertorio antico/barocco (terzo premio). Vincitrice del bando di concorso “DucaleLab” indetto dall’Orchestra Camerata Ducale, si esibisce presso il Festival Viotti di Vercelli in duo con la pianista Cristina Laganà. E’ invitata in occasione della prima edizione dell’European Day of Early Music a Copenaghen e con l’ensemble “Le Humane Virtù” partecipa all’allestimento di “Dido and Aeneas” di Henry Purcell (First Witch) con repliche in Italia, Austria e Slovenia. Recente è il debutto nel ruolo di Atalanta nel “Serse” di G. F. Haendel allestito dalla compagnia Coin du Roi presso il Teatro Litta di Milano e lo storico Teatro Goldoni di Venezia. Tra gli altri ruoli interpretati ricordiamo Bastiana nel “Bastien und Bastienne” di W.A. Mozart. Collabora in qualità di corista e solista con il Coro Filarmonico “R. Maghini”, partecipando a produzioni con l’OSN Rai e l’Academia Montis Regalis nell’ambito di prestigiose rassegne nazionali e internazionali (stagione OSN Rai, MiTo, Unione Musicale, Innsbrucker Festwochen der alten Musik, MA festival, Pomeriggi Musicali, Musica nei luoghi dello spirito) sotto la guida di direttori quali Ottavio Dantone, Alessandro De Marchi, Ivor Bolton, Juraj Valčuha, James Conlon. Collabora inoltre con il Coro della Radiotelevisione Svizzera sotto la direzione di Diego Fasolis e partecipa a progetti con formazioni vocali quali RossoPorpora Ensemble ed Ensemble Euridice. Diplomatasi a pieni voti in Musica Vocale da Camera presso il Conservatorio di Torino sotto la guida del M° Erik Battaglia e si esibisce regolarmente presso l’Unione Musicale di Torino (Schubertiadi, Festival Beethoven, L’altro suono). Dal 2014 collabora stabilmente con la pianista Cristina Laganà, dedicandosi al repertorio liederistico tedesco, francese ed italiano dall’epoca classica fino ai giorni nostri. 

PROGRAMMA:

G. P. TELEMANN 

2 CANTATE MORALI (1735 – 1743) per soprano solo, flauto e b. c.

Die Zufriedenheit Testo: Joachim Johann Daniel Zimmermann

Sonata in si minore da “Tafelmusik” per flauto traversiere e b.c 

Tonkunst Testo: Joachim Johann Daniel Zimmermann

Das massige Gluck Testo: Joachim Johann Daniel Zimmermann

J.S. BACH Sonata in si minore per flauto e clavicembalo.

J.S. BACH Cantata del caffe’ (aria)

I concerti saranno preceduti da una breve lettura meditativa e hanno la partnership dell’attuale ditta organaria Vegezzi Bossi – Brondino, con i quali si propone la valorizzazione delle squisitezze foniche degli strumenti, storici e moderni sul nostro territorio, realizzati dalla dinastia Vittino-Vegezzi-Bossi di Centallo (CN), in 450 anni di esperienza liutaria.

Un ringraziamento a

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione generale spettacolo dal vivo

Regione Piemonte

Collegium Artium

Fondazione CRTorino – Fondazione CRSavigliano – Fondazione CRCuneo

Città di Saluzzo e Savigliano

Consulta Culturale Savigliano

INFO E PRENOTAZIONI PER SPETTACOLI MUSICALI 393 6899470 – 335 5299411

Ufficio Stampa: DR Comunicazione Media Press – Linkedin: Roberto Isidori

Tel. 333/430.97.09 – eventistampa@gmail.com

comunicato stampa