Alba, si è chiusa la ventiduesima edizione della Festa del Vino

Evento promosso da Go Wine. Per la prima volta in due domeniche, in sicurezza e sold-out nelle prenotazioni

0
143

Si è conclusa ieri ad Alba con la seconda giornata la Festa del Vino 2020, promossa e organizzata dall’associazione Go Wine. Per la prima volta l’evento si è svolto nell’arco di due domeniche, 20 e 27 settembre, seguendo le prescrizioni del periodo in corso (contingentamento degli ingressi, turni di prenotazione, uso della mascherina e mantenimento del distanziamento sociale).

Hanno partecipato all’evento cantine in rappresentanza di oltre 20 comuni di Langhe e Roero e l’evento ha mantenuto il tratto che l’ha reso seguito e amato dagli enoappassionati: le cantine vengono presentate attraverso i Comuni di riferimento, creando nel centro di Alba un’ideale “via del vino” che invita a percorrere idealmente le colline intorno ad Alba. Moltissimi i vini in degustazione, numerose le cantine a rappresentare i loro Comuni, oltre ad associazioni di produttori, senza tralasciare la partecipazione attenta del pubblico, nei numeri consentiti. Tuttavia, in questi numeri, è stato raggiunto il sold-out alcuni giorni prima dell’evento, a conferma dell’attenzione e del successo che la Festa del Vino ha raggiunto negli anni.

Go Wine – dichiara il Presidente Massimo Corrado – ringrazia il Comune di Alba per il patrocinio, tutte le cantine che hanno partecipato e il pubblico della Festa del Vino, che ha dimostrato di accettare con disponibilità le prescrizioni e le attenzioni richieste da questa particolare edizione, e ci ha messo dunque nella condizione di poter operare nel rispetto delle norme che il momento ha richiesto. La nuova proposta di un evento in due domeniche ha dimostrato di avere successo e cercheremo di lavorare in questa direzione nel 2021, che sarà anche l’edizione in cui verranno festeggiati i 20 anni di attività di Go Wine, rinviati a causa dell’emergenza Covid“.

La Festa del Vino è un evento che si rinnova con successo, mantenendo fermo lo spirito originario: raccontare il territorio attraverso le etichette, come in una virtuale via del vino. Promuovere l’incontro con produttori affermati e emergenti, sempre con una degustazione commentata da chi il vino lo produce. Affiancare al piacere della degustazione, la bellezza del centro storico di Alba, tutto da camminare.