Fossano, partita la consegna dei buoni spesa: “Chiesti da famiglie con redditi superiori a 30.000 euro annui, dovrebbero vergognarsi” (VIDEO)

Il sindaco Tallone ha spiegato ai cittadini le modalità di consegna ed uso dei buoni, scagliandosi anche contro i "furbetti"

0
485

Attivato anche a Fossano il sistema di distribuzione dei buoni spesa alimentari: il Comune ha avuto a disposizione dal Governo una somma pari 128.430 euro, da destinare a persone e famiglie che ne hanno bisogno.

Come ha sottolineato il sindaco Dario Tallone, coloro che avranno diritto potranno beneficiare di 100 euro di buoni al mese a persona. Spiegando le procedure di assegnazione e consegna, il primo cittadino ha amaramente constatato richieste che sono state bocciate dalla commissione: “Una famiglia ha dichiarato redditi superiori ai 30.000 euro annui. Queste persone si dovrebbero vergognare, non capiscono quali sono le esigenze degli altri fossanesi. Forse queste persone possono pagarsi le ferie, e vengono a chiedermi i buoni“.

I buoni saranno così suddivisi: quelli da 50 euro di colore verde, da 20 euro di colore blu, da 5 euro di colore giallo. Il taglio dei buoni è stato valutato dalla Giunta che ha approvato il sistema di distrubuzione. I tagli piccoli sono stati pensati per favorire anche le piccole attività, come panettieri, fruttivendoli macellerie e simili, non soltanto le catene come i supermercati. Insieme ai buoni, sarà consegnata una lettera con l’elenco degli esercizi che aderiscono all’iniziativa.