Erbe, spezie, fiori e aromi: a Savigliano torna QuintEssenza

Appuntamento domenica 19 maggio: il programma completo degli eventi in città

0
351

Dall’erboristeria alla cosmesi, dall’alimentazione al florovivaismo: tutto questo è QuintEssenza, che domenica 19 maggio dalle ore 9 torna a Savigliano per la sua ventiduesima edizione. La manifestazione, organizzata dalla Fondazione Ente Manifestazioni di Savigliano, invade con profumi, colori e fiori tutto il centro storico, con un percorso ancora più esteso. Quest’anno infatti viene nuovamente allestita via Garibaldi e si apre il chiostro dell’ex- Convento di Santa Monica, attuale sede saviglianese dell’Università degli Studi di Torino.

Come sempre QuintEssenza vuole essere un inno ai saperi della tradizione erboristica, alle spezie e ai profumi del territorio tra presente e passato. La manifestazione valorizza i prodotti di qualità e il territorio. L’area espositiva, suddivisa in aree tematiche, ospita aziende specializzate in erboristeria, cosmesi e florovivaismo, con i loro prodotti rigorosamente naturali, ecosostenibili e di qualità.

Le vie della città cambiano nome per un giorno
Per un giorno il centro storico di Savigliano, che ospita la mostra mercato più profumata e colorata di sempre, diventa quasi irriconoscibile anche per i concittadini. Quest’anno l’area dedicata a QuintEssenza è ancora più grande e vede il suo cuore in “piazza delle Erbe” (piazza Santa Rosa), un mercato a cielo aperto dove dalle 9 alle 19 di domenica 19 maggio è possibile scoprire qualità e virtù di piante officinali ed essenze.

Qui gli espositori accompagnano il pubblico alla scoperta di odori e remote conoscenze su benefici e utilizzi di prodotti erboristici classici, come la menta piperita di Pancalieri o gli estratti di piante officinali; sciroppi essenziali, liquori artigianali e grappe a base di erbe o di liquirizia biologica. Un viaggio che tocca anche terre lontane con incensi naturali, prodotti ayurvedici e cosmetici ecosostenibili. Tutto rigorosamente naturale per il benessere della persona.

Anche quest’anno piazza Cesare Battisti si trasforma nel “giardino a cielo aperto”, con fiori primaverili, gerani, surfinie, aromatiche, perenni fiorite, piante da ornamento e da giardino e servizi per il verde arboreo ornamentale.

Piazza Molineri ospita invece “l’Isola del verde e dei profumi”, un angolo dedicato agli appassionati di fiori e giardino, mentre via Garibaldi per il primo anno ospita il mercato di Campagna Amica a cura di Coldiretti con prodotti freschi e trasformati sani, genuini e 100% italiani. Confagricoltura allestisce invece uno spazio dedicato ai suoi associati che propongono prodotti a km0, stagionali e di alta qualità, ampliando così il percorso di Quintessenza.

Manufatti artigianali e hobbystica sono i protagonisti delle “vie degli hobbysti”, in via Alfieri, via Torino, corso Roma, molo di piazza del Popolo, via Sant’Andrea, via Tapparelli e Piazza Turletti.

Aspettando QuintEssenza: gli eventi del sabato
In occasione di QuintEssenza Savigliano si anima per tutto il weekend e già da sabato 18 maggio propone eventi e attività per tutte le età.
Al Museo Civico A. Olmo in via San Francesco dalle 15 alle 18.30 è possibile visitare, accompagnati da una guida, l’Antica Farmacia dell’Ospedale SS. Annunziata e la mostra fotografica “MICROMONDO: la vita invisibile agli occhi. Dove, come e perché le piante producono i principi attivi”, a cura dell’Associazione A.L.T.E.A.
L’ingresso al Museo Civico A. Olmo e Gipsoteca Davide Calandra è gratuito.

Spazio anche per il palato nell’evento Rock&Food in piazza Turletti, ideato e curato dalla Consulta Giovani. Alle ore 16.00 è in programma la conferenza “Cibo buono sano e giusto” con Silvio Barbero, intervistato dal giornalista Rai Beppe Lovera. Alle ore 18.00 momento musicale, con il concerto del giovane cantautore saviglianese Simone Durando.
Presso l’Ala polifunzionale di Piazza del Popolo alle ore 19.00 l’appuntamento è con il Savijam Street basket Game e alle ore 19.30 si prosegue con lo Street food e le birre artigianali. Dalle 21.30 live music con Hettard, Riserva Moac e a seguire Dj Set.

QuintEssenza al Múses
Come sempre, anche per questa edizione il Múses è uno dei protagonisti di QuintEssenza.
Domenica 19 maggio alle ore 9, presso l’Accademia Europea delle Essenze di via Sant’Andrea a Savigliano, si svolge il convegno per professionisti dal titolo “Idrolati, oli essenziali e Alzheimer. Prevenzione e cura con le terapie non farmacologiche. Prospettive cliniche e di ricerca”. Il costo del convegno è di 15 euro.

Alle ore 14 e alle ore 15.30 doppio appuntamento con il laboratorio Reminiscenze olfattive. Annusare un profumo, un gesto semplice, diventa un modo per il nostro cervello per riscoprire emozioni e ricordi dimenticati. Guidati da personale qualificato, i partecipanti del workshop hanno l’occasione di conoscere l’incredibile attività che le piante possono esercitare sul sistema nervoso. Prenotazione obbligatoria.

Dalle ore 15.30 si dà al via alla Caccia al tesoro profumata in via Sant’Andrea.
Il pubblico di QuintEssenza viene condotto verso il Múses da una serie di pannelli collocati lungo via Sant’Andrea contenenti gli “indizi” di una caccia al tesoro profumata. Nel Giardino dei Sensi di Múses i visitatori vanno alla scoperta di essenze misteriose e di tutte le curiosità ad esse collegate.

QuintEssenza al Museo Civico A. Olmo
Domenica 19 maggio dalle ore 10 alle ore 13 e ancora dalle ore 14 alle ore 18.30 è possibile visitare l’Antica Farmacia dell’Ospedale SS. Annunziata di Savigliano e la mostra fotografica “MICROMONDO: la vita invisibile agli occhi. Dove, come e perché le piante producono i principi attivi”. Durante la giornata sono proposte attività per bambini e adulti. Sempre al Museo Civico A. Olmo per la giornata di domenica il pubblico può ammirare l’esposizione Erbario del Dottore Forestale Marco Abrate.
L’ingresso al Museo Civico A. Olmo e alla Gipsoteca Davide Calandra è gratuito per tutta la giornata.

Ancora, in occasione di QuintEssenza, domenica 19 maggio alle 10 e 15 partono due visite guidate alla città con tappa alla Crosà Neira e al Museo Civico partenza dall’Università.
Info e prenotazioni: Museo Civico A. Olmo, via San Francesco, 17 – Tel. 0172 712982 – [email protected]

Conferenze, mostre e laboratori per tutte le età
Per Quintessenza la sede di Savigliano dell’Università degli studi di Torino apre le porte del bellissimo chiostro dell’ex convento di Santa Monica, che ospitò a partire dal 1642 le monache agostiniane, le quali nel corso del tempo ampliarono la struttura occupando un intero caseggiato della città e che qui rimasero fino al 1857. Trasformato in caserma, l’edificio venne poi adibito ad ospedale militare e destinato a questo utilizzo fino al 1973.

Dopo anni di abbandono, a partire dal 2000 si è avviato un imponente cantiere di restauro che ha trasformato il complesso in sede distaccata dell’Università di Torino.
Ospita tuttora i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria, in Scienze dell’Educazione, in Educazione professionale e in Tecniche Erboristiche.

QuintEssenza è occasione di incontro e divertimento anche per le famiglie: durante la manifestazione sono in programma diversi laboratori a cura della cooperativa Proposta 80, presso il chiostro dell’Università in Via Garibaldi. Dalle 10 alle 12 è in programma il laboratorio Stampa a cucchiaio, una tecnica semplice che dà bellissimi risultati. Ogni bambino dovrà costruire una propria matrice con materiali naturali tipo pezzi di frutta, erbe, legno, che userà per stampare il proprio quadro, unico e originale.
Dalle 16 alle 19 si tiene il laboratorio Vasi di creta, per la creazione di vasi di creta naturale (argilla) manipolata con l’antica tecnica del colombino.
Prenotazione ai laboratori consigliata.
Per informazioni: [email protected]

QuintEssenza è indubbiamente ricerca del bello, per questo durante la manifestazione viene allestita al chiostro la mostra fotografica “Ho in mente…la bellezza”, a cura del cura dell’Ass. Di.A.Psi. in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale Area Nord dell’ASL CN1 S.c. Psichiatria Area Nord, una mostra che racconta di un percorso di trasformazione alla ricerca della propria identità e bellezza.

Alle 11 e alle 16, per la durata di un’ora e mezza, sono in programma i laboratori gratuiti di manicure, cura del viso e trucco dal titolo “Prendiamoci cura di noi”, realizzati grazie alla collaborazione volontaria dell’estetista Paola Rosso e del suo staff. Iscrizioni gratuite entro il 16 maggio 2019 o fino ad esaurimento posti alla mail [email protected]

Alle ore 15, sempre presso l’aula 017 della sede universitaria di Savigliano, nel chiostro dell’ex convento di Santa Monica, si svolge la conferenza “Sana Merenda, Snack speziali per palati esigenti”.

Alimentarsi bene e con gusto è lo slogan dell’Associazione Sana Forchetta, che cura il convegno. Le spezie sono preziosi ingredienti per il nostro palato e il nostro benessere da utilizzare in cucina. L’incontro è volto ad approfondire i benefici delle spezie e il loro utilizzo pratico. La conferenza è condotta dalla Dottoressa Donatella Giorgis, medico di medicina generale, in collaborazione con l’Associazione Sana Forchetta di Tortona e CnosFap Savigliano. La conferenza si conclude con la degustazione di semplici snack speziati, gustosi e salutari da preparare anche a casa. Ingresso libero, prenotazione consigliata.
Per info: [email protected]

L’ultimo appuntamento di QuintEssenza è previsto per lunedì 20 maggio alle ore 9.30 presso la sede universitaria di via Garibaldi 6 Aula 121, I° piano. La tavola rotonda intitolata “La tutela della biodiversità nella raccolta della flora spontanea: ricadute nella filiera delle piante officinali” è organizzata dall’Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco – Corso di Laurea in Tecniche Erboristiche. L’evento è aperto a tutti ed in particolare è rivolto a studenti, laureati, docenti e professionisti del settore. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.
Per info e prenotazioni scrivere a [email protected]

Mostre e altri eventi collaterali in città
Da sabato 18 a martedì 21 maggio presso l’Agorà di Via Torino vengono esposti i lavori eseguiti dagli iscritti ai vari laboratori dell’Unitre A.A. 2018/2019 (ingresso libero).
Dal 17 al 20 maggio presso la Chiesa dell’Assunta in piazza Molineri è allestita la mostra collettiva del Circolo Fotografico Imago di Savigliano. Inaugurazione sabato 18 maggio alle ore 11.00.

Le opere presentate sono il frutto del lavoro dei tanti soci del Circolo che nel corso del 2018 hanno preso parte all’iniziativa “La Foto del Mese”, interpretando in modo originale e creativo i diversi temi via via proposti. Tra questi, cinque sono stati selezionati per realizzare il percorso espositivo della mostra: Less is More/Meno è Meglio, A Tutto Tondo, Il Lavoro, Quella Luce Speciale, e Sedici Noni. I visitatori, oltre ad apprezzare le immagini esposte, potranno assistere ad interventi di lettura e musicali curati dall’Associazione Voci Erranti e dal Civico Istituto Musicale Fergusio.
Ingresso libero. Orari: sabato e domenica ore 10.00-19.00; lunedì ore 10.00 – 12.30/ 15.30-19.00

“Arte alla Fermata del Treno 2019” è la collettiva di Pittura a cura della Associazione Itinerarte esposta dal 28 Aprile al 02 Giugno 2019. Sedici artisti provenienti non solo dal Piemonte, ma anche da Emilia Romagna, Campania, Lombardia e Veneto, molti dei quali attivi anche a livello internazionale, sono i protagonisti della quarta edizione della mostra pittorica e scultorea “Arte alla Fermata del Treno”, allestita, come le precedenti edizioni, all’interno del Museo Ferroviario Piemontese in Savigliano. Per info: www.museoferroviariopiemontese.it – [email protected]

Fino al 30 giugno, inoltre, è possibile visitare presso Palazzo Muratori Cravetta la mostra “Orizzonti. L’evoluzione del paesaggio nella provincia di Cuneo dal Rinascimento alla modernità”, curata dagli storici dell’arte Laura Facchin e Luca Mana, incentrata sul tema del dialogo tra uomo e ambiente dal Cinquecento ai giorni nostri. Al percorso espositivo, che propone la selezione di oltre cinquanta opere tra dipinti e incisioni di artisti quali Jean Claret, Giovenale Boetto, Vittorio Amedeo Cignaroli e Giuseppe Pietro Bagetti, Enrico Gonin, Antonio Fontanesi, Lorenzo Delleani, Matteo Olivero e Giulio Boetto, provenienti da musei, chiese e collezioni private piemontesi, si affianca il progetto a cura di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia.

Gli autori Silvia Mangosio e Luca Vianello ripropongo alcune vedute raffigurate dagli artisti in mostra con l’occhio contemporaneo, mixando immagini tratte da Google Street View, Google Earth, con elaborazioni 3D e fotografia analogica su pellicola. Una profonda riflessione sul valore del paesaggio come bene comune e identitario, oggetto di interventi umani che possono metterne in discussione equilibri secolari. Orari: venerdì e sabato 14.30-18.30; domenica e festivi 10.30-18.30. Biglietti: intero 5,00 euro; ridotto 3,00 euro. Prenotazioni gruppi e scuole: [email protected] – Tel. 0172 072277. Info: www.fondazioneartea.org

c.s.