Sciopero all’Abet Laminati di Bra: “Vogliamo delle risposte” (GUARDA i VIDEO e le FOTO)

Grande mobilitazione dopo le assemblee dei dipendenti ma, soprattutto, dopo l'annuncio dei giorni scorsi (da parte dei vertici aziendali) di avviare una procedura di mobilità per 112 dipendenti, con conseguente e legittima preoccupazione da parte delle famiglie

0
1911
Durante il presidio davanti ai cancelli dell'Abet Laminati di Bra, in viale Industria (foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

​Giornata di sciopero all’Abet Laminati di Bra​. Dalle prime luci dell’alba di questa mattina, davanti ai cancelli dello stabilimento di viale Industria, è iniziato lo “stop” al quale hanno aderito i dipendenti dell’azienda. Macchinari fermi nei due stabilimenti (anche in quello in strada Falchetto), sia sul fronte operai che negli uffici. Il presidio in viale Industria proseguirà fino alle ore 18, mentre lo sciopero riguarda tutti i tre turni ed il “normale” sulle otto ore lavorative.

Grande mobilitazione dopo le assemblee dei dipendenti ma, soprattutto, dopo l’annuncio dei giorni scorsi (da parte dei vertici aziendali) di avviare una procedura di mobilità per 112 dipendenti, con conseguente e legittima preoccupazione da parte delle famiglie.

Una mossa a sorpresa da parte dell’azienda, senza alcun tipo di avvisaglia. Il lavoro c’è e, a volte, i macchinari sono stati fermi per mancanza di personale, non per mancanza di lavoro. Domani avremo un incontro con Ettore Bandieri, l’amministratore delegato di Abet Laminati, con gli avvocati e Confindustria. Vogliamo delle risposte ma, soprattutto, le vogliono 112 famiglie” hanno spiegato alcuni esponenti sindacali presenti davanti ai cancelli di viale Industria.

Il sindaco Bruna Sibille, questa mattina verso le 8, è intervenuta al presidio di viale Industria, così come alcuni assessori e consiglieri comunali, nel corso della mattinata.
Uno stand con vivande (soprattutto) calde, bandiere, striscioni e una nutrita presenza, pacifica ma determinata; sotto gli occhi di una volante dei Carabinieri.

Nata a Bra alla fine degli anni Cinquanta, Abet Laminati è oggi una tra le più importanti realtà produttrici di laminati plastici decorativi. La variegata gamma di prodotti disponibili, differenziati gli uni dagli altri per caratteristiche tecniche, particolarità estetiche e funzionali, costituisce l’eclettico universo Abet Laminati, realtà avanguardista che fin dagli inizi ha saputo dare la giusta importanza al suo relazionarsi con la cultura contemporanea. Nel corso degli anni sono stati coltivati stretti rapporti con personaggi del calibro di Giorgetto Giugiaro, Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Mario Bellini, Enzo Mari, Joe Colombo, Francois Burkhardt, Paola Navone, Karim Rashid, Konstantin Grcic, Ugo Nespolo, Giulio Iacchetti e molti altri grazie alla cui collaborazione l’azienda ha contribuito alla diffusione dell’immagine del Made in Italy nel mondo” si legge, alla voce “storia e designer”, sul portale web dell’Abet Laminati di Bra.

Non è stato possibile avere una replica o un parere, da parte di un rappresentante della dirigenza aziendale.