Ventitreesima meraviglia chiamata “Da Cortile a Cortile” (VIDEO e FOTO)

Il percorso enogastronomico, a tappe, ha richiamato migliaia di partecipanti, affamati e affascinati, oltre che dal menù proposto, anche dall'arte e dall'architettura di Bra

0
1054
La quinta tappa: il bollito misto alla piemontese con salse (foto Danilo Lusso - Ideawebtv.it)

Assaggiare e sorseggiare, attraversando angoli e cortili, magnifici, della città di Bra.

Ieri, in una domenica dal termometro estivo, la 23esima edizione di “Da Cortile a Cortile” ha lasciato il segno, ancora una volta.

Il percorso enogastronomico, a tappe, ha richiamato migliaia di partecipanti (suddivisi nelle partenze delle ore 12 e delle 13), affamati e affascinati, oltre che dal menù proposto, anche dall’arte e dall’architettura braidese.

Una volta ritirato il coupon e il bicchiere, in piazza Caduti per la Libertà, la prima tappa è stata ospitata sull’ala in corso Cottolengo, con un aperitivo a base di focaccia e salsiccia di Bra; seconda tappa a palazzo Traversa, in via Serra, con antipasti misti a base di peperoni di Bra, insalatina di sedano e noci e frittata di erbette; terza tappa alle Medie “Piumati”, in via Barbacana, con il tradizionale “bagna’n’t l’oli”; quarta tappa all’istituto “Mucci”, in via Craveri, con gli agnolotti alla piemontese; quinta tappa al “San Giuseppe”, in via Provvidenza, con il bollito misto alla piemontese con salse; sesta tappa nel cortile delle “Maschili, in via Vittorio Emanuele II, con il plateau di formaggi e miele; settima tappa a Palazzo Garrone, in piazza Caduti per la Libertà, con la torta di nocciole e, per concludere, il caffè nel cortile dell’attiguo Palazzo Mathis.

Non solo l’itinerario enogastronomico: in città anche il treno a vapore; la passeggiata interculturale alla Zizzola; “street art” alla cabina del Movicentro, in collaborazione con la Consulta politiche giovanili e gli artisti “C_Ska” di Firenze e “3Vetro” di Carmagnola; laboratorio creativo d’inglese alla Provvidenza; la banda “Giuseppe Verdi”; il trenino di Pinocchio; benessere e salute; il banco di beneficenza; la mongolfiera per bambini in piazza Carlo Alberto; musica e teatro; danza e ballo; arte e artigianato; il “fuori tutto” in collaborazione con l’Ascom; il raduno di maggiolini d’epoca, in piazza XX Settembre, con il “Club Maggiolino Langhe e Roero”; musei aperti con visite guidate e gratuite.

Il settembre braidese, ricchissimo di eventi, si è concluso nel migliore dei modi e non poteva essere altrimenti.