Coppa Prima Categoria, primo storico derby tra Saviglianese e Pro Savigliano

Sfida di cartello tra i Maghi di coach Negro e la neo promossa squadra di mister Fazio

0
1467

Su il sipario sulla stagione calcistica 2018/2019 e la Coppa di Prima Categoria accende i riflettori con gare che, seppur in fase di preparazione, daranno già indicazioni importanti ai tecnici ed agli addetti ai lavori.

Tra le sfide interessanti del palinsesto spicca certamente il primo storico derby tra Saviglianese e Pro Savigliano che incroceranno i guantoni nella gara d’andata.

Il nuovo tecnico del “Maghi” Alessio Negro non nasconde le ambizioni della società di patron Brisciano in vista del primo incontro stagionale: “Non siamo certamente in una condizione fisica ottimale, come credo anche i nostri avversari per cui, salvo sorprese, non mi aspetto una gara dal ritmo forsennato. Il lavoro, comunque, procede ed il gruppo sta crescendo. E’ molto importante trovare l’amalgama giusta tra il gruppo di Torino che va vinto il campionato con la maglia del River Mosso ed i giocatori già presenti alla Saviglianese: siamo sulla strada giusta. Conosco sinceramente poco il girone che andremo ad affrontare ma la società, nell’anno del centenario, ha degli obiettivi ben chiari e proveremo con il lavoro sul campo a centrarli”.

Non vede l’ora di iniziare quest’avventura anche il tecnico della Pro Savigliano Roger Fazio: “Seppur ad inizio stagione e con le gambe ancora imballate questo derby non può che essere un ottimo test per capire a che punto siamo. Le due squadre si sono rinnovate molto e per questo sarà difficile vedere subito il reale valore delle squadre in campo anche se spero vivamente in una bella partita con un’altrettanto bella cornice di pubblico. Dal canto nostro, essendo una neo promossa, non abbiamo particolari pressioni dalla società se non quella di ottenere la salvezza. Il progetto nel quale siamo inquadrati è triennale, scadenza nella quale vogliamo arrivare ad essere protagonisti della categoria. Certamente in ogni partita diremo la nostra, con umiltà ma senza fare barricate, giocando a viso aperto e cercando di toglierci tante soddisfazioni”.