15 operatori della Granda del progetto Orizzonte Vela a Cagliari per incontrare un’esperienza di welfare innovativa

0
53

Nell’ambito dell’iniziativa “Orizzonte Vela” promossa da Fondazione CRC un gruppo di operatori rappresentanti dei servizi pubblici socio sanitari della provincia di Cuneo, insieme al privato sociale e alle associazioni dei genitori, è impegnato in un lavoro di ricerca e azione sui temi dell’abitare, del lavoro e della qualità del progetto di vita delle persone con disabilità.

 

Dopo alcuni mesi di confronto e avviata una mappatura provinciale dei servizi e dell’iniziative significative sulla disabilità è emersa l’esigenza di conoscere e approfondire alcuni dei modelli di welfare più innovativi presenti su scala nazionale. 15 operatori in rappresentanza dei Consorzi Socio Assistenziali (Consorzio del Cuneese – CSAC, del Monregalese – CSSM, dell’Albese – Consorzio Alba Langhe e Roero, Monviso Solidale, Servizi Sociali del Distretto di Bra in delega all’ASL CN2 e Unione Montana Valli Mongia Cevetta – Langa Cebana – Alta Valle Bormida) insieme alle cooperative sociali (Proposta 80, Progetto Emmaus, Consorzio CIS, Armonia), Comitato 162 e Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII in rappresentanza delle associazioni dei genitori, hanno approfondito il “modello Sardegna – Piani Personalizzati e Fondo per la non autosufficienza”.

 

Accolti dal Presidente nazionale dell’Associazione ABC (Associazione Bambini Celebrolesi) – Marco Espa e dalla responsabile scientifica della Società Inclusion – Francesca Palmas, hanno incontrato a Cagliari il 5 e il 6 giugno le istituzioni politiche e socio sanitarie del territorio, gli operatori e i beneficiari dei piani personalizzati con le loro famiglie. L’esperienza sarda infatti, che vede ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi finanziati grazie alla Legge 162/98 circa 39.000 piani personalizzati a livello regionale, assicura interventi di progettazione e attuazione di servizi personalizzati e partecipati per le persone con disabilità grave e le loro famiglie. Il lavoro di conoscenza e confronto proseguirà nei mesi a venire con le realtà dei territori di Trento e Milano per permettere al gruppo di delineare un protocollo operativo condiviso a livello provinciale in grado di garantire una migliore qualità della vita per le persone disabili e le loro famiglie, come sancito dalla Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità.

 

Continua lo scambio di esperienze di buone prassi sul tema della personalizzazione e della coprogettazione degli interventi sulla disabilità. Si rinsalda così il legame tra la Sardegna e il Piemonte all’insegna dell’innovazione del sociale in vista di un evento dedicato a livello nazionale che insieme alla Fondazione CRC stiamo organizzando a Cuneo per il prossimo dicembre, dopo il grande successo del convegno – A Vela Spiegata di fine 2016 – commenta Marco Espa, Presidente nazionale ABC (Associazione Bambini Celebrolesi) e componente della Giunta nazionale FISH (Federazione Italiana Superamento Handicap). Altre info sul progetto Orizzonte Vela disponibili sul sito www.fondazionecrc.it