Boves: «Spasgiada Galupa» nel ricordo di Giulio Chiapasco

0
352

La «Spasgiada Galupa» di domenica 27 maggio (anticipata, per la seconda volta nella sua ultradecennale storia, rispetto alla sua abituale data settembrina), ha avuto buona adesione, di oltre centocinquanta partecipanti, la maggior parte non bovesani, che son riusciti a percorre sentieri e strade tra i campi, sin alle frazioni San Mauro e Rivoira, per finire alla Cascina Marquet, sotto un bel sole, in una generosa, e calda, pausa concessa dal maltempo imperante in questi giorni.

 

Simbolica è stata la partenza, dall’ex Filanda Favole, dove ha sede il «Museo del fungo e di scienze naturali», voluta dal giovane nuovo Direttivo della Pro Loco a ricordare l’ideatore dell’iniziativa, scomparso nel 2011, Giulio Chiapasco, anche appassionato micologo e fondatore del Gruppo Bovesano. Chiapasco ha già avuto, negli ultimi mesi celebrazioni dall’AMBAC Cumino, provinciale, erede delle attività locali, tra cui il Museo (coi preziosi calchi del dottor Strani), oltre che della sezione AVIS cittadina, di cui fu segretario, giunta ai cinquanta anni. Serata gli dovrebbe venir dedicata nei prossimi mesi. La formula della «Spasgiada» è rimasta quella di sempre, in cui si abbina l’assaporar la natura, alla gastronomia (nelle varie tappe si va da aperitivo a dolce, passando per affettati, acciughe al verde, torta verde, ravioli «ris e coj» (riso e cavoli) al sugo, tutto innaffiato da acqua e vino…) ed alla cultura.

 

Il pomeriggio, quando il tempo ha cominciato a farsi più incerto, ma senza più riuscire a crear fastidio, è stato accompagnato dalle danze occitane di Luca Pellegrino in duo. Ed ora la Pro Loco continua con la prossima edizione, la nona, della fiera Mestieri&città, da venerdì 1° a domenica 3, nelle vie e piazze del centro storico, protagonisti artigianato, gastronomia e motori.