Cuneo: presentato il libro che ripercorre i 140 anni della Croce Rossa in Granda| Il volume è stato curato da Giorgio Aimetti e Maresa Fulcheri. Presente anche il presidente nazionale ed internazionale Francesco Rocca

0
688

“La Croce Rossa cuneese rappresenta un modello a livello nazionale”. Parole pronunciate da Francesco Rocca, presidente nazionale della Croce Rossa Italiana e da pochi mesi alla guida della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, a Cuneo in occasione della presentazione del libro “140 anni di attività di Croce Rossa in Provincia di Cuneo”.

 

In una salone d’onore del Comune gremito in ogni posto e “invaso” dai volontari della Croce Rossa, Rocca ha parlato in termini lusinghieri del libro, curato da Giorgio Aimetti e da Maresa Fulcheri, e della realtà cuneese, “un modello per come sa dialogare con la comunità. In un momento in cui la parola chiave è ‘localizzazione’, la realtà cuneese ha funzionato in questi 140 anni. Viviamo un periodo nel quale ci sono tante crisi e fragilità, anche individuali: il volontariato organizzato ha il compito di saperle intercettare”.

 

A spiegare come è nato il libro un emozionato Livio Chiotti, presidente del Comitato Provincia Granda della Croce Rossa Italiana: “140 anni sono un bel traguardo, da tramandare ai posteri, per questo abbiamo deciso di realizzare questo volume. Io ho lanciato degli input, scoprendo cose che neanche conoscevo della storia della Croce Rossa, ma devo dire grazie a chi ha reso possibile questa pubblicazione: Giorgio Aimetti e Maresa Fulcheri”.

 

“Quando nel 1974 sono entrata in Croce Rossa, mai avrei immaginato di ritrovarmi in questa avventura – ha spiegato la Fulcheri –: era importante farlo per ricordare le tante persone che in questi 140 anni hanno dedicato il loro tempo per aiutare chi ne ha bisogno. In 4 anni di lavoro, sono state recuperate 5000 foto, abbiamo passato 1800 ore davanti al computer e sono stati stampati 2000 fogli”. A mettere insieme il materiale Giorgio Aimetti: “Spero che per chi leggerà il libro sarà un piacere almeno quanto lo è stato per me scriverlo. E’ stato fatto un grande lavoro, che ci consente anche di ritrovare il nostro modo di essere Croce Rossa”.

 

Durante la presentazione, introdotta dal vicesindaco di Cuneo Patrizia Manassero, sono intervenuti anche il presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia (“Il legame con il territorio è il cuore dei volontari e della Croce Rossa, con cui ho combattuto tante battaglie e imparato tanto”) e della Fondazione Crc Giandomenico Genta (“La Croce Rossa dimostra quotidianamente cosa significhi fare squadra”).

 

Gabriele Destefanis