Weekend di controlli nell’albese: un arresto per furto e cinque denunce

0
170

Risultati di rilievo sono stati conseguiti dai Carabinieri della Compagnia di Alba al termine di un servizio straordinario di controllo del territorio, svolto nel fine settimana appena trascorso, mirato alla prevenzione e contrasto dei reati predatori ed al rispetto del Codice della Strada.

L’attività dei militari dell’Arma, conclusasi questa mattina, ha visto impiegati 18 carabinieri che hanno operato a bordo di 9 automezzi di servizio. In totale, attraverso svariati posti di controllo sulle arterie stradali principali di accesso alla città fermando 48 auto ed identificando 96 persone.

 

Nello specifico, i militari del Radiomobile hanno denunciato per porto abusivo di armi un pluripregiudicato macedone trovato in possesso di un coltello a serramanico nascosto nella tasca dei pantaloni. L’oggetto illegalmente detenuto è stato sottoposto a sequestro.

 

I carabinieri delle Stazioni di Cortemilia e del Radiomobile, la notte scorsa, hanno ritirato complessivamente 4 patenti per guida in stato di ebbrezza alcolica di cui 1 per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti. I tassi alcolemici dei quattro conducenti, tutti italiani residenti nell’albese, sono stati tutti superiori a 1,50% ed è quindi scattato anche il sequestro dei veicoli, oltre alla denuncia ed al ritiro delle patenti.

 

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno tratto in arresto un cittadino rumeno 39enne abitante a Torino pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, resosi responsabile di furto aggravato presso un esercizio commerciale. Lo stesso, fermato dai carabinieri appena uscito da un ipermercato del luogo, è stato trovato in possesso di vari prodotti del valore di oltre 500 euro rubati poco prima (cosmetici ed articoli di cancelleria). Il ladro è stato prontamente arrestato con l’accusa di furto e giudicato con rito direttissimo dal Tribunale di Asti. La merce è stata restituita al responsabile del punto vendita dai carabinieri ed inoltre, al cittadino rumeno residente a Torino, è stata applicata la misura di prevenzione del non ritorno nel Comune di Alba per 3 anni.

 

c.s.