“Sono stato io a trovare i bocconi con il vetro a Sant’Anna Avagnina” | Parla il signor Gianfranco, il quale conferma il ritrovamento dei pericolosi bocconi, messo in dubbio in queste ore da alcuni media e sui social

0
685

Dopo la segnalazione giuntaci nella giornata di domenica, riguardante il ritrovamento di alcuni bocconi con il vetro a Sant’Anna Avagnina di Mondovì, si è aperta in queste ore un’accesa discussione sui social e sui alcuni media locali (che hanno messo in dubbio la notizia): scoperta vera o immotivato allarmismo?

Abbiamo contattato il signor Gianfranco Galatea (tra l’altro, team manager della squadra di pallavolo LPM Mondovì), autore della segnalazione, il quale ha voluto confermare l’effettività della scoperta.

 

Ciao Gianfranco, ci puoi dire di preciso che cosa sia successo e quando?

Sabato pomeriggio ho visto questi due bocconi e non ci ho fatto tanto caso inizialmente. A uno gli ho tirato addiruttura un calcio perchè non ci pensavo. Poi tornando a casa ci ho riflettuto e mi sono detto “Non è che magari ce ne sono altri?” Così il giorno dopo, facendo il solito giro, mi sono preso un sacchetto e una paletta, ne ho visto uno e l’ho portato a casa. Era una polpetta di carne gelata, visto l’orario, e ho aspettato si scongelasse. Verso mezzogiorno la abbiamo aperta e ci siamo accorti che era piena di vetri di bottiglia”.

 

La domanda che più incombe è perchè non avete fatto denuncia dell’accaduto?

Io non ho fatto denuncia inizialmente perchè avrei dovuto sporgerla contro ignoti, e sapevo che sarebbe stato molto difficile riuscire a capire chi fosse stato ma, a questo punto, visto tutto quello che si sta dicendo e che si è scritto, ci muoveremo di conseguenza. Io l’ho trovato il boccone, non me lo sono inventato e non ho paura di dire che è così. Tra l’altro sono poi tornato più volte a ricercare l’altro boccone, quello a cui avevo tirato un calcio, perchè ancora non l’ho ritrovato. Non credo che l’abbia mangiato qualche altro animale, ma questo non posso saperlo con certezza. Io sono pronto anche a farvi vedere dov’è il posto, non ho nerssun tipo di problema, perchè il mio interesse è la tutela del mio cane e quello delle altre persone, ma anche di tutti gli altri animali che potrebbero trovarlo.
Non pensavo che la notizia finisse per passare come falsa, tantomeno che l’educatore in questione volesse farsi pubblicità, anzi, non vedo come. Lì nessuno mi ha mai detto di non passare o che stessi dando fastidio a qualcuno, anche perchè non ci vive nessuno. E’ una zona con dei prati e delle vigne, tanto più in questa stagione, che fastidio avrebbe dato un cane? Anche d’Estate non passo mai negli stessi posti, per non far rovinare il gronoturco o le colture presenti. Per quello ci va un minimo di buonsenso che tutti dovremo avere.
In questo momento in cui si sta scrivendo un po’ di tutto non ho nessun problema ad espormi e dire “Sono stato io“.

 

E chissà che così salti fuori anche l’altro boccone…

Assolutamente, sarei ben contento di contribuire accompagnando le autorità sul posto. Sono già tornato sul posto senza cane, ma non sono riuscito a trovare nulla…Mi recherò ad avvisare i vigili domani, poi speriamo…

 

Daniel Sebastian Ossino

In foto Gianfranco Galatea, team manager della LPM Mondovì

 

Leggi anche: Bocconi avvelenati a Sant’Anna Avagnina di Mondovì: la segnalazione corre in rete