Eccellenza: il Fossano non smette di stupire, Cheraschese battuta per 4-2

0
405

Due su due. Il Fossano non ha nessuna intenzione di smettere di far parlare di sé, e dopo la roboante vittoria sul campo della Valenzana nella prima giornata del campionato di Eccellenza, all’esordio tra le mura amiche si prende un altro scalpo di lusso come quello della Cheraschese al termine di un match pieno di emozioni.

Finisce 4-2, con gli ospiti, che erano stati bravi a rimettersi in partita dopo un avvio da brividi, messi fuori causa dalla doppietta di Armando, a segno per due volte nell’arco di un minuto in avvio di ripresa. Al di là degli episodi, si tratta comunque di una vittoria meritata del Fossano, più compatto e continuo degli avversari, che hanno invece vissuto su fiammate, regalando troppo in fase difensiva.

 

Per la prima in casa, Fabrizio Viassi sceglie il 4-2-3-1 con il trio Tavella, Romani e Armando ad ispirare Alfiero; Brovia risponde con un 3-5-2 con Pirrotta in regia e il duo Celeste-Atomei in attacco. L’avvio di partita è da manuale per i padroni di casa, un incubo per gli ospiti: passano appena 18 secondi, e Romani, dopo aver ricevuto palla tra le linee, scambia con Alfiero e si presenta incredibilmente solo di fronte a Giustiniani, battuto con un preciso interno destro sul palo più lontano. La partita deve ancora cominciare, e la Cheraschese si ritrova già a dover inseguire.

 

La squadra di Brovia ci mette un po’ a riprendersi dallo schock, poi, dopo l’infortunio al ginocchio di Bottasso (si spera sia solo una distorsione) che costringe Viassi al primo cambio (dentro Douza), ecco la reazione degli ospiti, che al 21′ trovano il pareggio: lungo lancio di Prizio, lo scatenato Cornero sorprende Galvagno (“fa un errore all’anno”, dirà a fine gara Viassi) e si presenta di fronte a Masneri, superato con un dolcissimo pallonetto di esterno destro. 1-1, tutto da rifare per il Fossano, nel cui ingranaggio si inceppa qualcosa. La manovra perde di fluidità, arriva qualche errore di troppo che dà coraggio alla Cheraschese, più incisiva in questa fase del match e vicina al gol del sorpasso al 23′, quando su azione d’angolo Atomei alza la mira in girata, tutto solo; capovolgimento di fronte e dall’altra parte ci prova Tavella, che dopo uno slalom impegna Giustiniani.

 

Prima dell’intervallo, da registrare ancora le proteste ospiti per un gol annullato per fuorigioco ad Atomei, che in tap-in devìa in rete il tiro-cross di Celeste (33′) e la chance del Fossano con Romani, sul cui tiro insidioso Giustiniani si salva in due tempi (45′).
Nell’intervallo mister Viassi probabilmente trova le parole giuste, perché in avvio di ripresa si vede un altro Fossano, che spinge indietro fin dalle prime battute gli avversari. “Abbiamo sbagliato i due approcci”, dirà nel dopo-partita Brovia. Quello dopo il riposo è fatale alla sua squadra, che dopo aver scampato un pericolo al 3′, quando Tavella sfiora il vantaggio, va a segno per due volte nel giro di un minuto, sempre con lo stesso giocatore, Armando: al 6′ l’esterno sfrutta l’intelligente velo di Romani, si gira bene in area e in diagonale firma il 2-1. Palla al centro e subito recuperata dal Fossano, ottima giocata di Tavella che da sinistra taglia verso il centro e serve un assist d’oro ad Armando, stop e tocco a battere Giustiniani, con la difesa ospite a guardare.

 

E’ il momento chiave dell’incontro, la partita si decide qui. Il Fossano, padrone del campo, può gestire il risultato pungendo in contropiede, rischia al 17′ prima su Celeste (conclusione deviata in angolo) e poi sul successivo corner, quando Sinato incorna da pochi passi, senza trovare la porta, ma dà l’impressione di avere il match saldamente in mano. Ma il calcio non è logica, ed allora ecco che al 35′ una mischia in area fossanese chiusa da una zampata da attaccante di razza del neoentrato Oddenino rimescola tutto, rimettendo in corsa la Cheraschese.

 

La squadra di Brovia non riesce però a crearsi una vera e propria chance per il pareggio, ed alla fine il Fossano chiude i conti con bomber Alfiero, che prima colpisce la traversa con un colpo di testa (46′), poi su un lancio di capitan Giraudo si libera di Prizio e batte Giustiniani con un rasoterra (48′). Finisce tra gli applausi del pubblico per un Fossano bello e giovane che continua a stupire, mentre la Cheraschese dovrà riflettere su alcuni gravi errori che hanno compromesso la partita.

 

Fossano – Cheraschese 4-2

Fossano: Masneri, Brondino (28′ st Sacco), Galvagno, Tounkara, Mozzone, Bottasso (20′ Douza), Armando, Giraudo, Alfiero, Romani, Tavella (23′ st Fenoglio). Allenatore: Viassi.

Cheraschese: Giustiniani, Costamagna (12′ st Gallesio), Sinato, Capocchiano, Prizio, Pirrotta, Cornero, Pupillo, Atomei, Celeste (31′ st Oddenino), Di Stefano (12′ st Esposito). Allenatore: Brovia.

Arbitro: Carboni di Nichelino (Pellegrino e Pischedda di Torino)

Ammoniti: Tounkara (F), Costamagna, Sinato, Cornero (C).

Reti: 1′ Romani (F), 21′ Cornero (F), 6′ st Armando (F), 7′ st Armando (F), 35′ st Oddenino (C), 48′ st Alfiero (F).

 

Gabriele Destefanis