Elezioni 2022: intervista a Marco Perosino di Forza Italia

0
2
Marco Perosino

Ultimi giorni di campagna elettorale in vista delle elezioni politiche di domenica 25 settembre. Tra i politici cuneesi impegnati in questo rush finale c’è Marco Perosino (senatore uscente e sindaco di Priocca ndr), candidato nel collegio plurinominale per la Camera dei Deputati (Cuneo, Asti e Alessandria) con Forza Italia. Con lui abbiamo discusso della campagna elettorale che volge al termine.

Senatore Perosino, quali sono state le tematiche a cui gli elettori si sono dimostrati più sensibili in questo periodo?

“Ho avuto il piacere di incontrare molte persone in questi mesi e devo dire che gli argomenti più trattati sono quelli che riguardano le cose più concrete: le bollette, il recupero dei crediti del bonus 110%, e per quanto riguarda gli amministratori gli aspetti relativi al PNRR. Sono le mie tematiche, sono le cose di cui volevo parlare. A livello locale urgono delle risposte: la politica nazionale deve lavorare e legiferare bene. A mio avviso i bonus sulle bollette sono dei palliativi, e sono scettico a riguardo”.

Si incontrano delusione e disaffezione alla politica e, in senso lato, al voto?

“Rispetto ad un mese fa ho riscontrato più voglia di votare. La gente è delusa da tempo, delusa dal sistema di governo e dal sistema di legiferazione attuale. Il messaggio che ho voluto sottolineare è che esiste un’impostazione diversa che si può dare in merito. Spero in una svolta concreta, che in questa legislatura c’è stata solo a tratti”.

Quali sono gli aspetti su cui è necessario concentrarsi di più nella nuova legislatura? 

“Siamo di fronte ad una crisi importante, portata dalla guerra. Io sono per la pace a tutti i costi, per via diplomatica, subito. Anche il passaggio ad un’economia green e la digitalizzazione sono importanti, ma la priorità devono essere strade ed opere pubbliche. Il PNRR è debito, e va usato per cose reali. Anche la siccità, problema che si è rivelato in tutta la sua gravità, deve essere risolto con interventi strutturali. Ogni comune dovrebbe avere un proprio invaso. Infine, per quanto riguarda le nostre zone, vorrei che arrivasse a completamento la Cuneo-Asti“.

Informazione Politico Elettorale