Bra, il Consiglio comunale ha approvato l’assestamento di bilancio con variazioni per 726mila euro

0
207
bra

Il Consiglio comunale di Bra ha approvato ieri sera, giovedì 28 luglio, le delibere relative alla salvaguardia degli equilibri e all’assestamento generale del bilancio di previsione finanziario (BPF) 2022/2024. Il documento, ratificato con 10 voti favorevoli, 3 contrari e un’astensione, recepisce la necessità di salvaguardare gli equilibri di bilancio per l’anno 2022 attraverso lo stanziamento di una somma quantificabile in 726.884 euro, a copertura dei maggiori oneri determinati dall’impennata dei prezzi delle materie prime energetiche e dei relativi costi.

L’impatto del caro energia anche sui conti del Comune (definito dal sindaco la “famiglia delle famiglie”), evidenziato come squilibrio in termini di stanziamenti di competenza, sarà finanziato attraverso la quota disponibile dell’avanzo di amministrazione 2021 e quindi senza necessità di ridimensionare stanziamenti e obiettivi prefissati con la manovra di bilancio.

Tra i dati emersi dalla puntuale analisi dei tecnici della ripartizione Lavori Pubblici, si segnala un +13% di consumi registrati nell’ultima stagione calore, quasi per intero da addebitare a maggiori costi di riscaldamento degli edifici scolastici dovuti alla necessità di garantire la circolazione dell’aria anche nei mesi invernali come misura di sicurezza per garantire lezioni in presenza, e un +88% registrato in termini di costo, dovuto alla crescita della spesa per energia elettrica, per le utenze gas e per gli allacciamenti al teleriscaldamento, costo quest’ultimo strettamente legato a quello dei prezzi all’ingrosso del gas.

L’assestamento del bilancio previsionale ha inoltre previsto, sul fronte delle entrate, il recepimento di oltre 705.000 euro di contributi statali – fondi PNRR volti alla digitalizzazione e all’innovazione e di un contributo per il canone unico patrimoniale di oltre 40 mila euro, oltre a maggiori entrate per circa 307 mila euro. Sul fronte delle spese, oltre a quelle già citate relative ai maggiori costi energetici, i costi per il prolungamento dell’orario del Nido (65mila euro) e per i servizi sociali territoriali, tra cui servizi di educativa territoriale per minori (50mila euro), il finanziamento del progetto “Dopo di noi” (circa 87mila euro) e le integrazioni delle rette per ricovero minori (65mila euro).

Il consiglio comunale di Bra ha inoltre approvato le controdeduzioni alle osservazioni pervenute e il progetto definitivo della variante parziale n. 5 al Piano Regolatore vigente. La variante è preordinata all’adeguamento del PRGC vigente ad una serie di richieste ed osservazioni pervenute da privati, professionisti e uffici, giunte in seguito ad una fase di consultazione avviata nell’autunno 2020 e singolarmente vagliate dalla Commissione Urbanistica comunale.

Tale procedura ha indotto una serie di interventi mirati alla riqualificazione urbanistica di porzioni di territorio comunale, comprendente stralci di aree residenziali, inserimenti di nuove porzioni di aree per servizi, modifiche alla viabilità ed una riorganizzazione di parti di territorio edificate che necessitano di interventi urbanistici mirati a rimuovere le condizioni di stallo che si sono venute a creare nel tempo. Tra gli interventi autorizzati dalla variante, l’aumento di superficie territoriale produttiva pari a 5298 mq e la riduzione di capacità insediativa residenziale di 49 abitanti, con la costante attenzione alla riduzione del consumo del suolo e al recupero del patrimonio edilizio esistente, attraverso norme che lo permettano e incentivino. Il documento è stato approvato con 13 voti favorevoli e un’astensione.

Durante la discussione è stato inoltre varata all’unanimità la bozza di convenzione tra i comuni di Bra, Borgofranco d’Ivrea, Chieri, Nichelino, Piossasco e Venaria per la regolamentazione della procedura di gara nell’ambito di “Stepping Plus”, progetto di riqualificazione energetica degli edifici comunali attraverso l’assegnazione di contratti di prestazioni energetiche, promosso da Regione e Fondazione Compagnia San Paolo. Tra le riqualificazioni comprese nell’ambito della convenzione approvata, quelle relative agli istituti scolastici braidesi Bruno Munari, Collodi, Gioetti e Principessa Mafalda di Savoia, oltre a quella del campo sportivo.

Unanimità anche per l’approvazione dell’affidamento per il prossimo quinquennio del servizio di riscossione coattiva delle entrate tributarie e sanzioni all’Agenzia delle Entrate Riscossione, servizio di riscossione nazionale pubblico, in vista della prossima scadenza del contratto attualmente attivo. Durante la seduta sono state infine discusse alcune interrogazioni presentate dai consiglieri, e in particolare relative alla richiesta di aggiornamenti sugli interventi in strada Bria (presentata dai gruppi Lega, Bra Domani, Lista civica insieme per Panero); il sollecito di un intervento urgente sui collegamenti stradali tra Bra, Pocapaglia e Sommariva Perno (Lega); la tutela dei luoghi di culto (Santa Maria degli Angeli) e la convocazione della Commissione sicurezza (entrambe presentate dal gruppo Fratelli d’Italia – Coraggio si cambia!).

Il video integrale della discussione del Consiglio comunale è visibile sulla pagina You Tube del Comune di Bra (link diretto: https://www.youtube.com/user/comunebra)