Il Convitto Provvidenza di Bra vince il concorso nazionale di musica “Giovani in crescendo” di Pesaro

0
240
Convitto provvidenza Bra

La musica è sinonimo di unione, di aggregazione, di applicazione, di crescita e di divertimento. Tutti aspetti che gli alunni della Scuola “Convitto Provvidenza International School” di Bra possono apprendere nell’indirizzo musicale fin dalla scuola dell’infanzia. Un percorso che il direttore Carmine Maffettone ha fortemente voluto, per dare una precisa impronta all’offerta formativa dello storico istituto braidese, che infatti si caratterizza come la prima primaria della provincia a indirizzo musicale.

A mettere quotidianamente in pratica l’insegnamento delle sette note, insieme ai colleghi insegnanti, è il docente di musica dell’istituto Christian Alasia, che con gli studenti che hanno appena terminato la quinta elementare è stato artefice di un cammino che è diventato ancora più speciale dopo che gli undici alunni hanno ottenuto un prestigioso 1° premio nella categoria “Gruppi” per le scuole primarie al concorso nazionale “Giovani in crescendo”, organizzato dall’orchestra sinfonica “Gioachino Rossini” di Pesaro.

I ragazzi si sono confrontati con più di 200 istituti primari italiani, in una competizione dove erano presenti anche i Conservatori che gareggiavano in una sezione indipendente.

Il gruppo vincente è formato da Giorgio Murettino, Maria Saglia, Michele Bertolusso, Luca Capocchia e Gianluca Piantanida alla chitarre, e da Noemi Nigro, Miriam Borda, Elisa Bianco, Leonardo Montà, Eleonora Maiocco e Salvatore Di Dio alle tastiere.

A raccontarci l’exploit della classe è lo stesso professore che afferma: «Venuto a conoscenza di questo importante concorso, ho pensato di far partecipare i ragazzi di quinta elementare e così abbiamo inviato un video con due brani registrati, come da regolamento. Alla notizia della vittoria nella categoria “Gruppi” grandissima è stata la gioia degli alunni, come anche la mia soddisfazione personale nel vedere come, ancora una volta, la musica insegna veramente a “stare insieme”, a fare gruppo, a divertirsi, ad applicarsi e ad apprendere il rispetto reciproco e il rapporto sincero con l’insegnante. La scelta di inviare l’arrangiamento di un brano tratto dal flauto magico di Mozart dal titolo “Tema di Papageno”, e “Pirates” di Nicholas Powlesland del Trinity College di Londra, si è rivelata vincente. I brani sono stati registrati nella nostra scuola Convitto della Provvidenza a Bra».

LE CONGRATULAZIONI DEL SINDACO

Un riconoscimento per il quale sono arrivate anche le felicitazioni del sindaco di Bra, Gianni Fogliato: Desidero esprime anche a nome dell’Amministrazione comunale le più sentite congratulazioni per il primo premio conseguito al concorso “Giovani in Crescendo 2022” organizzato dall’Orchestra Sinfonica “G. Rossini” di Pesaro. Per la Città di Bra è un onore che il talento, la preparazione e l’abilità dei giovani alunni siano riconosciute su scala nazionale, tanto più in una cornice prestigiosa come quella di Pesaro, che sarà Città della Cultura nel 2024. A tutti voi alunni auguro di proseguire con entusiasmo verso tanti altri traguardi sia in ambito artistico che didattico, e ringrazio i vostri insegnanti e tutto il personale della scuola che vi accompagna in questi vostri progetti».

PRIMI IN PROVINCIA A PROPORRE L’INDIRIZZO MUSICALE SIN DALLA PRIMARIA

Tra scuola dell’infanzia e primaria sono oltre 120 i piccoli alunni che frequentano il “Convitto Provvidenza International School” all’interno dei prestigiosi locali dell’elegante complesso settecentesco all’angolo tra via Provvidenza e via Vittorio Emanuele a Bra. L’istituto guidato del direttore Carmine Maffettone è da settimane impegnato a definire in ogni dettaglio l’organizzazione del nuovo anno scolastico 2022/23, che ancora una volta vede la formazione del corpo insegnante già completamente definita, con la conferma del qualificato staff da anni in forza all’istituto paritario.

Dal primo giorno di lezione (1° settembre) gli allievi dei diversi anni di corso troveranno sul proprio banco tutto il necessario – dai vari libri di testo al diario, passando per il vestiario – per iniziare da subito le diverse attività previste.

Gli alunni del primo anno hanno già trascorso una settimana di full-immersion per conoscersi, per approcciarsi agli insegnanti, e per capire quella che sarà la loro nuova scuola. Un momento sociale importante.

Il programma scolastico viene modulato in un orario che prevede anche la possibilità del pre-orario, della mensa, del doposcuola e del post-orario, per venire incontro alle esigenze lavorative delle famiglie.

Un altro aspetto distintivo dell’offerta formativa alla Provvidenza è quello che riguarda le numerose attività che affiancano lezioni e laboratori, fortemente improntate allo studio delle lingue e aperto alle prime importanti esperienze di pratica musicale.

Apprendere le lingue e fare esperienza musicale: due aspetti che molti degli iscritti hanno avviato già durante la scuola dell’infanzia bilingue, e che proseguono alla Scuola Primaria con lo studio dell’inglese, del francese e dello spagnolo.

In primo piano anche lo “studio delle sette note”, sotto la guida del maestro Christian Alasia: una specificità, ideata e voluta dal direttore Carmine Maffettone, che fa della Provvidenza la prima scuola della provincia – e tra le prime in Italia – a proporre l’indirizzo musicale sin dalla primaria, con l’obiettivo di fornire agli allievi nozioni utili a favorire una loro prima espressione musicale, utile a stimolarne la creatività.

Un percorso che nel corso degli anni prevederà da parte di bambini e famiglie la scelta degli strumenti – dal flauto alla chitarra, dal pianoforte al violino – tra lezioni individuali e di gruppo, proprio come avviene nelle scuole a indirizzo musicale di grado superiore.