Boom di insetti nella Granda: “Sotto attacco frutteti, orti e giardini”

Coldiretti Cuneo: "Gli sfasamenti stagionali derivanti dal cambiamento climatico sono responsabili dell’invasione di zecche, cimici, forficule"

0
285

Con le alte temperature delle ultime settimane, dopo il caldo eccezionale della scorsa primavera e il clima secco e mite dell’ultimo inverno, è boom di insetti in frutteti, campi, boschi, orti e giardini, che danneggiano i frutti, le foglie e le piante già colpite dalla grave siccità. È quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti Cuneo sull’intero territorio provinciale.

È in atto una vera e propria invasione di zecche – segnala Coldiretti Cuneo – soprattutto nei boschi delle nostre vallate, dove sono veicolate dalla fauna selvatica, e ovunque sono in costante aumento le cimici. I tecnici della Coldiretti stanno registrando una presenza massiccia di forficule, le cosiddette “forbicine”, che danneggiano pesche, albicocche e susine provocando fori e rosure sui frutti, e annunciano i primi ritrovamenti dell’anno di cetonia e ifantria, che colpiscono le piante da frutto e ornamentali defogliandone la chioma. I tecnici Coldiretti continuano, infine, il monitoraggio sul tarlo asiatico.

Dopo che la cimice asiatica, a partire dal 2013, ha messo in ginocchio interi settori produttivi nella Granda generando danni ingenti a ortofrutta, cereali, frutta in guscio, uva e piante ornamentali con perdite, variabili di anno in anno e a seconda delle zone, fino al 90% dei raccolti, gli agricoltori sono oggi alle prese con nuove invasioni che – rimarca Coldiretti Cuneo – danneggiano le colture in un momento già particolarmente critico sotto il profilo sia economico che climatico.

“Per effetto della globalizzazione dei commerci e per l’impatto dei cambiamenti climatici con il surriscaldamento delle temperature, negli ultimi anni il nostro Paese ha dovuto affrontare un’invasione di insetti e organismi alieni arrivati nelle campagne soprattutto con le piante e i semi dall’estero. Sotto accusa è il sistema di controllo dell’Unione europea con frontiere colabrodo che hanno lasciato passare materiale vegetale infetto e parassiti vari” dichiara Enrico Nada, Presidente di Coldiretti Cuneo.

“La politica europea è stata finora troppo permissiva – commenta il Direttore di Coldiretti Cuneo Fabiano Porcu – consentendo l’ingresso di prodotti agroalimentari e florovivaistici nell’UE senza applicare le cautele e le quarantene che devono invece superare i prodotti nazionali quando vengono esportati con estenuanti negoziati e dossier che durano anni”.

Per maggiori informazioni visitare il sito web https://cuneo.coldiretti.it