Domenica 24 Aprile a Ceresole d’Alba visite al MuBATT e agli Affreschi della Madonna del Buontempo

0
183
ceresole d'alba

Domenica 24 Aprile  il comune di Ceresole d’Alba propone l’apertura mensile del MUBATT – il museo dedicato alla Battaglia di Ceresole d’Aba del 1544 e della SALA del palazzo comunale che ospita gli AFFRESCHI DELLA MADONNA DEL BUONTEMPO.

Per accedere alle visite gratuite è necessario il GREEN PASS RAFFORZATO.

Le visite guidate al muBATT sono gratuite grazie alle guide di Turismo in Langa che presentano ai visitatori la storia e i fatti della Battaglia di Ceresole d’Alba grazie agli allestimenti del Museo. Le visite guidate agli affreschi sono presentate grazie agli accompagnatori volontari. Ricordiamo che il muBATT è aperto con orario 10.00 – 13.00 e 14.00 -18.00) ad Ingresso Gratuito ogni ultima domenica del mese.

Il muBATT – realizzato grazie ai Fondi del Progetto ALCOTRA INTERREG 2014-2020 SuCCEs – è l’esposizione dedicata ad una delle Battaglie più importanti che si combatterono sul territorio italiano tra le truppe di Francesco I di Francia e Carlo V di Spagna e che in tutta Europa ha lasciato numerose testimonianze nel campo della letteratura e dell’arte.

Sempre Domenica 24 Aprile OPEN DAY della Sala di Rappresentanza del Comune di Ceresole d’Alba, dove si trovano tre pregiati cicli di affreschi salvati dalla Cappella della Madonna del Buontempo.

INGRESSO LIBERO dalle ore 10 alle 18

Gli affreschi, salvati dalla rovina grazie all’intervento della Soprintendenza ai Beni Artistici, del Museo Civico di Palazzo Traversa di Bra e di Italia Nostra Alba, raccontano antiche storie di santi taumaturghi, invocati dalla popolazione locale contro le pestilenze e le guerre che ne flagellavano il territorio.

GLI AFFRESCHI DALLA CAPPELLA DELLA MADONNA DEL BUONTEMPO

Nel 1490, quando fu ricostruita dalla famiglia Roero, la cappella della Madonna del Buontempo ferveva forse di vita intensa sulla piana di Ceresole d’Alba (località Novareisa), dove tuttora si staglia. Oggi è caduta in uno stato di totale abbandono, ma fortunatamente è stato possibile strappare e recuperare dalle pareti alcuni pregiati affreschi, ora presenti nella Sala di Rappresentanza del Comune di Ceresole d’Alba: la Pietà con i Santi (1553), Sant’Antonio Abate e la Madonna con il Bambino (1581) e una Crocifissione di gusto popolaresco (XIX sec).

Le raffigurazioni scelte ci raccontano della storia devozionale della popolazione locale: santi taumaturghi come San Nicola e San Rocco, chiamati a proteggere gli abitanti di Ceresole dal flagello della pestilenza e dalle numerose scorrerie dei soldati Lanzichenecchi, dei quali sarebbero addirittura rimaste alcune incisioni da bivacco risalenti al XVI secolo.