Biathlon: Gaia Brunetto sfiora il podio nell’Europeo Juniores

0
127
In foto, Gaia Brunetto (foto Esercito)

Il biathlon degli azzurrini si è spostato sulle nevi slovene di Pokljuka, dove ieri si è disputata la staffetta mista valida per l’assegnazione del titolo europeo juniores.

Atteso era il quartetto italiano composto dalle due alpine in forza al Centro Sportivo Esercito di Courmayeur Gaia Brunetto e Sara Scattolo al femminile e dall’altoatesino Cristoph Pircher e Nicolò Betemps (Fiamme Oro) al maschile. Iniziata nel migliore dei modi grazie alla bella prestazione delle quote rosa Brunetto-Scattolo, la staffetta azzurra si deve accontentare di un amaro quarto posto ai piedi del podio.

Da incorniciare la prestazione della cuneese Gaia Brunetto che con un mix perfetto di tiro veloce e preciso, unitamente ad una più che positiva prestazione sugli sci, ha passato il testimone alla compagna di squadra, Sara Scattolo, rimanendo nelle prime posizioni.

Purtroppo fatale è stato il giro di penalità commesso nella sessione a terra dell’altoatesino Pircher, che ha così perso il contatto diretto con le prime posizioni. L’atleta della Val Ridanna ha comunque dimostrato di correre con il cuore cambiando ancora in terza posizione al compagno Betemps, reduce dall’argento individuale di ieri.

Purtroppo il valdostano, probabilmente un po’ affaticato dalla performance di ieri, non è riuscito a porre resistenza al ceco Marecek che ha strappato il bronzo per soli 3 secondi all’Italia.

Dominio francese in questa gara dall’inizio alla fine che porta alla vittoria la squadra transalpina senza troppe difficoltà. Argento per la squadra tedesca a circa 50” di distacco e come già accennato bronzo per la Repubblica Ceca che ha lottato contro gli azzurri sino all’ ultimo metro. Si tratta comunque di una prestazione di rilievo per gli azzurrini che hanno dimostrato di saper lottare per un risultato importante e di gareggiare in ogni occasione per il podio. Prossimo appuntamento fissato per domani, sabato 22 gennaio, con la sprint femminile.