UFFICIALE – SUPER GREEN PASS, obbligo vaccinale, controlli: COSA CAMBIA

0
858

Al termine dell’atteso Consiglio dei Ministri odierno, in cui si sono discussi e approvati i provvedimenti di contenimento del Covid e, in particolare, le novità attorno al Green Pass, il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, dopo il Consiglio dei Ministri, ha delineato le nuove misure in conferenza stampa, insieme ai Ministri della Salute Speranza e per gli Affari regionali Gelmini, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio.

(GUARDA LA DIRETTA VIDEO)

In Italia la situazione è al momento sotto controllo ma in lieve peggioramento. Il nostro obiettivo è prevenire per preservare, ricordando quanto accaduto nell’ultimo anno e mezzo. Abbiamo ricominciato una vita normale e vogliamo conservare questa normalità, senza rischi” ha sottolineato il Presidente Draghi.

ECCO LE PRINCIPALI NOVITA’ e MISURE

OBBLIGO VACCINALE – Già vigente per personale sanitario e tutti i lavoratori delle RSA, sarà esteso a personale non sanitario che lavora nel comparto salute (come i presidi ospedalieri); forze dell’ordine e militari; personale scolastico; per queste categorie scatta l’obbligo di terza dose o richiamo.

ESTENSIONE GREEN PASS – L’uso del certificato verde sarà esteso per l’accesso agli alberghi, la fruizione del trasporto ferroviario regionale e interregionale, del trasporto pubblico locale; l’utilizzo degli spogliatoi di attività sportive, anche all’aperto. La validità del Green Pass passa da 12 a 9 mesi, tenendo conto della capacità di tenuta del vaccino.

GREEN PASS RAFFORZATO – Attualmente il Green Pass si ottiene con tre condizioni: vaccinazione, guarigione o tampone negativo. In questa fase, dal 6 dicembre al 15 di gennaio, scatta il cosiddetto “super green pass”: per accedere al certificato solo la vaccinazione o la guarigione saranno valide. Il rafforzamento del certificato NON sarà attuato per questioni lavorative e di trasporto. Inoltre, nel passaggio di una Regione da un “colore” all’altro (da bianca a gialla o da gialla ad arancione, per esempio) le restrizioni non riguarderanno le persone vaccinate o guarite.

CONTROLLI – Nuova procedura di rafforzamento dei controlli nei luoghi in cui il green pass viene utilizzato. I comitati provinciali di pubblica sicurezza provinciali si riuniranno entro 5 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiali, e dovranno costruire i piani di azione per i controlli: sarà a lori chiesto di offrire una relazione settimanale al Ministero dell’Interno

TEMPI PER IL RICHIAMO VACCINALE – Sarà possibile effettuare il richiamo dopo 5 mesi dalla dose precedente, allargando la platea dal 1° dicembre a tutta la popolazione sopra i 18 anni.

Per quanto riguarda la possibilità della vaccinazione per i bambini dai 5 agli 11 anni il Governo attende l’approvazione di EMA ed AIFA del vaccino Pfizer con dose “pediatrica” (un terzo di quella per gli adulti): prevista un’importante campagna di informazione destinata ai genitori.