Fossano: arrestato 28enne per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio

0
278

La locale Squadra Mobile, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio al fine di contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, disposti dal sig. Questore di Cuneo, nei giorni scorsi, nel Comune di Fossano, ha tratto in arresto un cittadino rumeno di 28 anni, lavoratore, incensurato, perché colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente di tipo Marijuana, per un peso pari a circa 1,5 kg.

Gli agenti della Squadra Mobile hanno intercettato il soggetto mentre, alla guida della propria autovettura, procedeva a forte velocità lungo la strada statale che collega Trinità con Fossano, pertanto, veniva fermato e sottoposto ad un controllo. Durante tale attività l’uomo dava segni di grande nervosismo, in quanto dall’abitacolo proveniva un forte odore di marijuana.

A tal proposito, venivano trovati, sui sedili, dei piccoli frammenti di marijuana che lasciavano presupporre che il soggetto avesse trasportato dello stupefacente.
Vista la situazione, gli operatori decidevano di effettuare una perquisizione domiciliare, presso la sua dimora sita in Fossano, che permetteva di rinvenire dello stupefacente, nello specifico marijuana, che si presentava sotto forma di infiorescenza, occultato nei pressi della cucina e conservato in dei barattoli di vetro e plastica.

La perquisizione ha permesso, inoltre, di sequestrare una piantina di marijuana dell’altezza di circa 30 cm ed un bilancino di precisione, utilizzato per pesare la sostanza illegale prima di venderla al dettaglio. Il soggetto, in considerazione della flagranza di reato e dell’importante quantitativo di stupefacente sequestrato, è stato tratto in arresto per la violazione dell’articolo 73 del Testo Unico Stupefacenti e posto ai domiciliari.

Grazie all’attività posta in essere dalla Squadra Mobile, impegnata in servizi di prevenzione e contrasto alla diffusione di sostanze stupefacenti intensificati non solo nel Capoluogo di Provincia ma anche in altri comuni della “Granda”, così come voluto dal Signor Questore di Cuneo, è stato sottratto al mercato illecito della sostanza psicotropa che, venduta al dettaglio, avrebbe fruttato circa 15.000,00 euro.