Boves, riprendono le “Palestre teatrali” per adolescenti guidate da Elisa Dani

0
179
boves

Sulla porta della chiesa rosbellese Elisa Dani aveva confermato, tra varianti del COVID, ma anche vaccini (pur con situazione attuale e previsioni che certo non garantiscono tranquillità per l’autunno, ottobre e novembre), l’idea di far ripartire le sue «Palestre teatrali», per adolescenti (con cui il ciclo è da ricominciare, rinviato di un anno) ed adulti, ben lontano dalle incertezze che nutriva un anno fa.

Con i ragazzi dai dodici ai quindici anni ci si troverà dal 12 ottobre (e terminerà nel prossimo aprile), nel tardo pomeriggio. In periodi ancora pandemici, di scarsa disponibilità di locali, la organizzatrice ringrazia la Pro Loco di Sant’Anna di Boves, che ha messo a disposizione la sua sede, le ex scuole elementari frazionali.

Il lavoro con gli allievi della “Palestre over 18” in realtà non si mai fermato perché la volontà di tessere relazioni con il pubblico e con l’intera Comunità è proseguito a distanza attraverso un terreno di ricerca più sul versante della scrittura e video, che ha portato alla realizzazione dell’installazione “Nel vivo che c’è”, a settembre 2020, riportata da poco (fine agosto scorso) all’attenzione del pubblico nella chiesa di Rosbella e nella primavera scorsa, di un cortometraggio di otto minuti dal titolo “La terra quando ero bambino”.

La Palestra “over 18” riprenderà in presenza il suo lavoro quest’anno, ma essendo numerose le adesioni degli allievi che hanno deciso di proseguire il percorso, per quest’anno non si attiveranno nuove iscrizioni. In relazione anche alle norme COVID circa il rapporto tra dimensione dello spazio ed allievi.

L’argomento di studio, accanto a quello delle sfide sempre nuove circa il rapporto tra pubblico ed attori, e tra la propria formazione attoriale e l’epoca in cui si vive, quest’anno sarà il concetto di salvezza e di fiducia a partire dalla storia biblica del patriarca Abramo. Questa figura si rende portatrice di un codice comunicativo che ci interessa indagare in profondità, mettendolo in relazione anche alle visioni sul futuro.

Per quanto riguarda invece, le Palestre Ragazzi, si intende costituire un gruppo totalmente nuovo coinvolgendo ragazzi dai dodici ai quindici anni. Il gruppo sarà aperto a dieci-dodici ragazzi e si ritroverà il martedì dalle ore 17,30 alle ore 19,30.

Quest’anno i locali in cui si svolgeranno gli incontri cambieranno. Dopo anni di presenza all’Atlante dei Suoni, che purtroppo rimane incerto sulla sua apertura autunnale costante, in quanto molto dipenderà dalla presenza o meno delle visite scolastiche, si dovrà cambiare sede.

Ringraziamo la Pro Loco di Sant’Anna di Boves e il Comune di Boves, per la disponibilità nel garantire uno spazio bovesano alla prosecuzione. Le Palestre hanno un’identità territoriale forte, che ci piacerebbe mantenere.

Il nuovo locale, di capienza adeguata, utilizzato sarà nell’ex scuola elementare di Sant’Anna a Boves, in Via Funga 1.

La “Palestra Ragazzi” offrirà un lavoro tecnico legato alla voce, respirazione, dizione, lavoro sul corpo, presenza scenica, lavoro d’attore individuale e di gruppo, ma soprattutto offrirà delle basi di confronto tra il lavoro attoriale e il senso di questo alla luce della contemporaneità, del rapporto con il pubblico, con il territorio e con la Comunità.

L’argomento di lavoro quest’anno sarà “Il Futuro e le sue benedizioni” alla luce dei testi, lettere, discorsi, di Kurt Vonnegut.

La parola “Futuro” è parola/chiave per entrambe le palestre, nella sua accezione di “Stare” per “Essere”, perché anche la parola “Teatro” ha bisogno di futuro e di occhi e di bocche e di teste e corpi che lo pensino e lo facciano vivere.

Le lezioni si concluderanno a fine aprile/ inizio maggio, con una “restituzione” al pubblico (saggio finale) del percorso intrapreso.

Per informazioni ed iscrizioni telefonare al 334.7334805, Elisa Dani.

c.s.